counter

Marchigiani nel mondo, la Commissione approva il programma 2014-2015

mappa marche 2' di lettura 26/02/2014 - Due Macro progetti per creare un nuovo sviluppo dell’associazionismo dei marchigiani nel mondo, un più forte collegamento con l’associazionismo regionale e una serie di progetti strategici per lo sviluppo economico e sociale delle Marche.

In poche parole unire ancora di più i marchigiani emigrati all’estero tra loro e le Marche ai paesi che li ospitano al fine promuovere iniziative imprenditoriali, culturali e di attrazione turistica verso la nostra regione. Formare inoltre le giovani generazioni, discendenti di marchigiani, per la salvaguardia delle radici sociali e economiche con la terra d’origine non come momento di conservazione ma di sviluppo socio economico del nostro territorio.

Questi in sostanza gli aspetti più rilevanti del Programma degli interventi regionali a favore degli emigrati marchigiani per gli anni 2014 e 2015 che è stato approvato oggi (26 febbraio), all’unanimità, dalla Commissione Attività Produttive della Regione Marche.

Presieduta da Fabio Badiali la Commissione ha inteso ribadire la necessità di un sostegno alle iniziative che valorizzano i giovani e un incremento delle risorse, allo stato oggetto di taglio, che limitano fortemente l’operatività del Programma.

Per la Commissione è necessario rafforzare e legare in modo reciproco le iniziative del Programma con tutti quelli che valorizzano il territorio e le specificità marchigiane.

I nostri corregionali all’estero sono 111.565, pari al 2,6 del totale degli Italiani emigrati. Un dato in continuo aumento che ha visto dal 2005 al 2013 un incremento del 39,7%.

Anche le Marche come le altre regioni italiane dopo quarant’anni si pongono il problema della ripresa del flusso di emigrazione che vede al centro quell’antica ricerca di un lavoro. Una ricerca che vede le associazioni dei marchigiani all’estero confrontarsi con numerose richieste di informazioni che spesso vengono a mancare in molti paesi. E’ evidente quindi l’importante ruolo che queste associazioni possono svolgere per i nostri emigrati

Dei quindici stati esteri presi in esame, come luogo di residenza dei marchigiani, al primo posto vi è l’Argentina seguita da Svizzera, Francia, Belgio, Germania, Spagna, Regno Unito, Brasile, Canada, Stati Uniti, Australia, Lussemburgo, Venezuela, San Marino e Uruguay.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-02-2014 alle 17:52 sul giornale del 27 febbraio 2014 - 1906 letture

In questo articolo si parla di politica, marche, Assemblea legislativa delle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Y8P





logoEV
logoEV