counter

Banca Marche rilancia il turismo con un plafond di 20 milioni e le associazioni di categoria

L'iniziativa di Banca Marche per il settore turistico 6' di lettura 26/02/2014 - Mercoledì è stata presentata la nuova iniziativa di Banca Marche rivolta al settore turistico: un plafond di 20 milioni di euro a favore delle imprese turistico-alberghiere marchigiane.

Questa iniziativa aiuterà le attività del turismo ricettivo attraverso l’erogazione di finanziamenti per importi fino a 60mila euro destinati a specifici interventi quali le spese di esercizio nei periodi di bassa stagione, anticipi sui pagamenti delle prenotazioni e sulle transazioni Pos. Ma non solo, questi finanziamenti andranno a coprire le spese di ordinaria manutenzione, tutela ambientale, risparmio energetico, e certificazioni di qualità, ma anche per opere di ristrutturazione più complesse.
Insomma, le imprese turistiche potranno rinnovarsi e farsi trovare pronte per la stagione alle porte.

La conferenza di presentazione a Fontedamo è stata il primo evento che Banca Marche ha previsto per presentare l’iniziativa, seguiranno infatti incontri sul territorio dedicati alle imprese di settore e organizzate dalle associazioni di categoria.

“Essere qui con importanti associazioni di categoria ha un senso forte - afferma il direttore generale di Banca Marche, Luciano Goffi - la nostra ristrutturazione è nel vivo, siamo impegnati a cercare di non tradire il ruolo che la banca ha sempre avuto sul territorio, la vicinanza alle imprese, alle Pmi e alle famiglie. Abbiamo fatto di tutto affinché non venisse meno la nostra presenza, abbiamo messo in campo tutte le nostre risorse umane, non facendo mai mancare l’ordinaria operatività e i necessari flussi di credito alle nostre imprese, pur nei limiti del periodo di ridefinizione degli assist. Ed abbiamo continuato a farlo anche dopo l’avvio della gestione straordinaria".

Goffi ricorda che molte iniziative a sostegno del territorio sono state confermate dai commissari e sono già avviate: il plafond per le nuove imprese, esteso anche alle start up innovative, quello dedicato ad interventi di credito per coprire i costi del personale aziendale, il finanziamento delle tredicesime mensilità, stanziamenti per far fronte ai disagi nel maltempo, anticipi della cassa integrazione.

L’iniziativa rivolta al turismo va in questa direzione: “Vogliamo dimostrare al tessuto produttivo che Banca Marche è stata e rimane la banca del territorio marchigiano - afferma Goffi, che prosegue - Banca Marche darà ulteriore impulso a queste attività, giocherà fino in fondo il suo ruolo per tutto il 2014. Un particolare plauso al lavoro che sta svolgendo il nuovo direttore commerciale, Corsaro, volto ad aumentare la capacità di servizio nei confronti dei nostri target fondamentali, Pmi e famiglie”.

Dopo l’incarico di nuovo direttore commerciale, questo è il primo progetto concretizzato da Filippo Corsaro, che entra nel dettaglio dell’iniziativa: “Le associazioni di categoria ci hanno aiutato a organizzare questo progetto, in una regione come le Marche dove il turismo è il motore dell’economia, e lavoreremo insieme per dare uno sviluppo equilibrato al settore turistico.
Crediamo che questo settore possa far ripartire l’economia, la normativa rende necessario un investimento e le esigenze dei servizi richiedono continui aggiornamenti. I prodotti e i servizi sono nuovi, partono dalla comprensione delle esigenze delle aziende di settore, ascoltando gli imprenditori e le associazioni di categoria. Abbiamo già formato il personale che lavora nelle filiali ed è a diretto contatto con il cliente”.

Le associazioni di categoria presenti hanno aderito al tavolo di confronto per dare vita al progetto mesi fa. “Dopo un lungo periodo di difficoltà economica, oggi parliamo di Banca Marche in una occasione importante, l’importo non è elevato per tutte le Marche, ma gli ampliamenti previsti daranno man forte”. Così il presidente di Confindustria Marche, Nando Ottavi, che prosegue: “L’adesione di Confindustria è stata automatica, le nostre imprese medio piccole hanno bisogno di un aiuto, più di quelle maggiormente strutturate, per questo serve fiducia nelle piccole imprese.
C’è troppa sfiducia non solo nel privato, ma anche negli imprenditori. Anche gli ultimi segnali di ripresa economica sono sì positivi ma ancora deboli e non ci dobbiamo accontentare, l’Europa viaggia più veloce dell’Italia e per questo dobbiamo approfittare di queste iniziative che consentano di avere il credito necessario per affrontare un mercato difficile”.

Il presidente nazionale di Assoturismo nonché di Confesercenti Marche, Claudio Albonetti: “Sostenere il settore del turismo significa sostenere l’attività che più di tutti potrà sfangare la crisi, sia per quanto riguarda la tenuta sia per il rilancio. Le associazioni di questo settore non possono non evidenziare che un impulso del turismo dà un input a tutto il territorio, perché il turismo ha carattere trasversale. La domanda si sta spostando verso il basso e la domanda di qualità al nostro sistema ricettivo può essere intercettata solo aumentando la qualità, perché i clienti sono esigenti, non fanno più viaggi a lungo raggio e rimangono qui ma vogliono qualità.
Da una recente indagine compiuta negli Usa è emerso che ogni 33 turisti che arrivano in un territorio si genera un posto di lavoro. Il sostegno nei periodi fuori stagione aiuterà a scavalcare i periodi più difficili per queste imprese.Auspichiamo che l’istituto faccia presto un ulteriore passo avanti nelle disponibilità date a questo settore, perché non a caso le sofferenze bancarie arrivate al limite di guardia non toccano il settore agricolo e quello turistico. Dove c’è crisi c’è anche opportunità, questo è il nostro spirito. Saremo interlocutori assidui di questa iniziativa, anche per dare indicazioni sul territorio nazionale oltre che nelle Marche”.

Anche il direttore di Confcommercio Massimiliano Polacco è molto soddisfatto del nuovo prodotto di Banca Marche: “Nel giro di poco tempo questo istituto bancario ha elaborato un progetto che risponde appieno alle esigenze del settore e delle micro imprese. Una proposta ben compresa, con un obiettivo principale, di viaggiare sull’accoglienza, è stato sposato da Confcommercio sin da subito, perché sappiamo che occorre lavorare per mettere le nostre strutture in qualità. Il successo degli ultimi anni ci ha permesso di vantare un mercato completamente diverso o c0munque alternativo rispetto per esempio all’Emilia Romagna.
Ecco perché questo progetto è azzeccato nel metodo e viaggia nei tempi giusti: i nostri operatori stanno valutando se affacciarsi o meno sul mercato nellla prossima stagione: ora potranno superare le difficoltà economiche ma soprattutto ritrovare la voglia di rinnovarsi. Insieme a Corsaro abbiamo lavorato per rilanciare soprattutto lo spirito di positività che oggi l'istituto bancario cerca, così come il tessuto economico marchigiano. I nostri operatori possono rinnovarsi ed essere pronti ad accogliere il mercato straniero, per esempio la Russia, ma recuperare anche il nord Europa, dove occorre continuare ad investire, senza cercare troppo lontano. Banca Marche ci aiuta a fare questo passo di rinnovamento e di positività. Il turismo è il vero rilancio di questo territorio”.

Questo progetto parte dalle Marche ma si sposterà anche nel territorio italiano dove è presente Banca Marche. Il prodotto permetterà alle imprese turistiche il rimborso nel periodo migliore, ossia la fine della stagione. Grazie a questo progetto potranno godere di un aiuto sulle prenotazioni, con l’anticipo degli importi, e le piccole ristrutturazioni che solitamente si fanno in questo periodo saranno coperte dal finanziamento.

La sfida dell'istituto marchigiano oggi si rivolge al turismo, ma presto andrà anche a coprire un altro importante settore considerato il motore dell'economia regionale: l'agricoltura.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it







Questo è un articolo pubblicato il 26-02-2014 alle 22:40 sul giornale del 27 febbraio 2014 - 1345 letture

In questo articolo si parla di economia, turismo, jesi, banca delle marche, banca marche, plafond, cristina carnevali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Y9U





logoEV
logoEV