counter

Calcio: cori razzisti, il giudice sportivo diffida la Vis Pesaro

Curva Vis Pesaro 1' di lettura 12/02/2014 - Siamo soliti rispettare la parola dell'arbitro e lo faremo anche in questa occasione. Il provvedimento odierno, però, del Giudice Sportivo che diffida la Vis Pesaro, previo altrimenti di disputare una prossima gara senza il sostegno dei propri tifosi, ci lascia molto perplessi per quanto riportato in delibera e che citiamo testualmente:

"per avere i propri sostenitori in campo avverso rivolto, in gran numero ed in più occasioni, all'indirizzo di un calciatore di colore della squadra avversaria cori comportanti denigrazione per motivi di colore".

A parte che il calciatore in questione è entrato a pochi minuti dal termine, rendendo difficile anche pensare a più occasioni, ma nessuno, proprio nessuno, ha sentito questi cori, addirittura poi in gran numero!

La sorpresa è stata, addirittura, anche da parte della dirigenza Jesina, che doveva essere la parte lesa con il proprio giocatore, che ci telefonava invece per attestarci solidarietà e ci confermava lo stesso nostro stupore.

La società segnalerà con opportuna testimonianze agli organi competenti una situazione che si rileva strana e molto kafkiana.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-02-2014 alle 18:27 sul giornale del 13 febbraio 2014 - 1194 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, pesaro, Jesina, razzismo, vis pesaro, vis pesaro 1898, sport pesaro, diffida, calcio pesaro, stadio benelli, cori razzisti, news calcio, giudice sportivo, curva vis pesaro





logoEV
logoEV