counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > LAVORO
comunicato stampa

Ascoli: Haemonetics, slittata al 7 febbraio la convalida del sequestro cautelativo dei macchinari

1' di lettura
1618

C’è stato uno slittamento tecnico dell’udienza di convalida del sequestro cautelativo dei macchinari Haemonetics, richiesto dai lavoratori. Il giudice del Tribunale di Ascoli Piceno ha spostato al 7/02/2014 l’udienza di convalida.

La mobilitazione delle maestranze continuerà oltre la data del 31/12/2013, precedentemente fissata; le donne e gli uomini del presidio rimarranno a guardia dei macchinari e per la ripartenza produttiva della fabbrica; non molleranno.

Alcuni potrebbero pensare che c’è un pizzico di “follia” nella lotta vitale delle maestranze in presidio; noi riteniamo che la loro risposta produttiva e combattiva è razionale e necessaria per uscire dalla palude del declino economico e della disoccupazione. Anzi la mobilitazione innovativa, creativa e produttiva che il gruppo di donne e uomini della Haemonetics sta portando avanti rappresenta un simbolo ed è un antidoto a disperazione e violenza.

Intanto la Haemonetics si è rifiutata di far godere le ferie residue del 2013 ai lavoratori prima di porli in CIGS; l’azienda ha risposto alla UGL in data 19/12/2013 che la liquidazione delle ferie residue 2013 saranno pagate dopo la CIGS ed al momento del licenziamento; un’altra anomalia prepotente della Haemonetics, per danneggiare economicamente e fiscalmente i lavoratori.

Il mantenimento del presidio attivo oltre dicembre 2013 è importante anche perché l’inizio anno 2014 ci svelerà uno snodo cruciale: la Haemonetics dovrà rendere pubblica, nero su bianco, la questione “offerte per acquisizione stabilimento e ripartenza produttiva”.

Noi su questo terreno rimaniamo fiduciosi. Continuano a giungerci notizie di fitte interlocuzioni; ma vigileremo, staneremo la Haemonetics da menzogne, tradimenti, inciuci.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-12-2013 alle 12:29 sul giornale del 24 dicembre 2013 - 1618 letture