counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > LAVORO
comunicato stampa

Ascoli: allarme lavoro e famiglie. Usb apre raccolta fondi per sostegno a operai della Albertani

2' di lettura
1352

Unione sindacale di base

"Siamo in una situazione disperata e drammatica, per questo chiediamo aiuto, per noi e le nostre famiglie!"

Lo dice un operaio della Albertani Corporates (ex Archlegno) di Campolungo, zona industriale di Ascoli, azienda dove ad agosto sono stati firmati i contratti di solidarietà per un anno per 70 addetti, in base ad un accordo con i sindacati Usb, Cgil e Cisl. Secondo l'Usb i contratti non hanno avuto ancora piena attuazione.

"La maggioranza di noi, dal settembre scorso - spiega un dipendente - lavora una settimana su cinque, percependo 250 euro al mese, e neppure regolarmente. Quello che resta, secondo l'accordo sulla solidarietà, doveva essere versato dall'INPS. Ma l'istituto di previdenza da agosto non ci ha erogato ancora niente."

Per aiutare gli operai della Albertani, l'USB ha avviato un raccolta di fondi spontanea ed aperta a tutti - cittadini, privati, associazioni, istituzioni - mettendo a disposizione il proprio conto corrente presso Unipol Banca ( Iban : IT39K03127135000000000370).

"La causale per chi vuole sostenere il fondo - dice Andrea Quaglietti, segretario Usb - è questa: Solidarietà lavoratori Albertani. Quanto alla situazione generale dell'azienda - aggiunge il sindacalista - noi abbiamo più volte chiesto alla proprietà un incontro diretto, per capire quali erano i programmi e le difficoltà maggiori, per cercare di trovare una soluzione . Ma siamo stati del tutto ignorati. Il rischio è che nel 2014 si apra un'altra grande falla per l'occupazione e l'economia del territorio piceno, con ricadute sociali drammatiche."

Per Quaglietti è anche "gravissimo che pur in presenza di un accordo tra azienda e sindacati, lo Stato attraverso il suo istituto competente non adempia ai suoi compiti".

Info 3494103507- tel. 0736256243



Unione sindacale di base

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-12-2013 alle 15:02 sul giornale del 19 dicembre 2013 - 1352 letture