counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Centro Destra Marche: scandalo sanità, 696.653,59 euro ai vertici aziendali

2' di lettura
1311

Martedì mattina abbiamo presentato in una conferenza stampa una delle tante vergogne Marchigiane, sentivamo il dovere di informare tutti i cittadini di come vengo spesi i loro soldi in un momento storico e politico come questo.

Mentre si parla di tagli, di spending review e tutte le altre belle parole e promesse non mantenute, noi contestiamo a gran voce la scelta di liquidare i vertici delle aziende sanitarie regionali ben 696.653,59mila €uro per aver raggiunto gli obiettivi stabiliti dalla Giunta Regionale dal 2010 ad oggi.

Mentre il servizio sanitario è allo sfascio, mentre la gente deve aspettare settimane e mesi per poter aver un appuntamento per le visite, mentre tagliano i posti letto, mentre distruggono gli ospedali sul territorio, loro pensano alla liquidazione dei loro premi, che vanno ad integrarsi con i loro già altissimi compensi. Pare chiaro che le priorità e gli obiettivi di queste persone siano personali e non quelli della comunità che sul territorio è senza servizi e che quotidianamente vive i disagi dei servizi da loro non realizzati e di conseguenza siamo curiosi di capire quali siano gli obiettivi da loro raggiunti. Per noi di Centro Destra Marche, l'unico obbiettivo è quello della tutela e la salvaguardia dei servizi sanitari per i Marchigiani, la cattiva politica non è fatta solo d'illegalità e ruberie, ma anche di scelte miopi che fanno ricadere sui cittadini e le future generazioni il costo dei generosi benefici elargiti per accontentare qualche Dirigente.

Secondo noi di Centro Destra Marche, il privilegio è il primo nemico del merito, perché scaturisce da rendite di posizione e non dalla qualità del lavoro, occorre colpire la cupola dei privilegiati, i boiardi di stato, i super-manager, gli anacronistici burocrati che nessuna riforma è mai riuscita a scalfire. Non ci si risanerà il bilancio dello Stato, ma si fonderà il vivere comune su un principio di equità ormai rarefatto.

Avv. Giulio Natali, Dott. Francesco Acquaroli, Avv. Franca Romagnoli



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-12-2013 alle 16:25 sul giornale del 18 dicembre 2013 - 1311 letture