counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Senigallia: Bagnini, parte la mobilitazione del settore

2' di lettura
1630

Oltre 80 imprenditori balneari da tutte le Marche si sono mobilitati per raggiungere Senigallia e prendere parte all’incontro promosso da Oasi Confartigianato “Gli stabilimenti balneari, fra evidenza pubblica e sdemanializzazione” svoltosi all’Auditorium San Rocco.

L’assemblea è stata aperta dai saluti di Salvatore Fortuna Presidente Confartigianato Marche; sono intervenuti Maurizio Mangialardi Sindaco di Senigallia; l’on. Sergio Pizzolante Capogruppo Commissione Lavoro Camera dei Deputati; Giorgio Mussoni Presidente Nazionale Oasi Confartigianato; Filippo Borioni Presidente Regionale Oasi Confartigianato e hanno coordinato i lavori Giacomo Cicconi Massi Oasi Confartigianato Ancona e Andrea Giuliani Oasi Confartigianato Pesaro Urbino.

Il futuro del comparto è tutto in alto mare. Dal Governo pochi segnali. Oasi Confartigianato si è mobilitata per proseguire nel suo impegno di concertazione e per lavorare su una base di proposte da avanzare in sede nazionale. Le problematiche che interessano il comparto coinvolgono trasversalmente sia gli Enti locali, sia gli imprenditori, parimenti intenzionati a risolvere le criticità nell’ottica di tutelare il territorio e promuovere il turismo. Nell’assemblea di Oasi Confartigianato a Senigallia l’on. Pizzolante ha presentato i contenuti di un emendamento che verrà proposto in forma bipartisan in sede parlamentare. Il testo prevede: il processo di sdemanializzazione dell’area su cui insistono i manufatti (cabine, bar, chioschi, ristoranti e simili) da assegnare per una durata di 50 anni; le restanti aree, gli arenili con ombreggi, rimangono demanio pubblico e sono vendute con gara a evidenza pubblica. In entrambi i casi è previsto il diritto di opzione/prelazione per il concessionario attuale. Una proposta che ha incontrato il parere favorevole di Oasi Confartigianato Marche.

“Con questo incontro Oasi Confartigianato continua il suo lavoro di concertazione a tutela del comparto – dichiara Filippo Borioni, Presidente Regionale Oasi Confartigianato – Servono risposte concrete e urgenti per le imprese balneari, in stragrande maggioranza micro e piccole attività a conduzione familiare, diffuse sul territorio e strategiche per lo sviluppo del turismo. Vogliamo che venga riconosciuto il diritto sacrosanto degli operatori balneari di poter continuare a lavorare sulla propria concessione.”



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-12-2013 alle 20:56 sul giornale del 10 dicembre 2013 - 1630 letture