counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

'Legalmente: itinerari per una cultura della legalità', chiude il progetto dell'Ombudsman

2' di lettura
1763

Una grande mostra conclude a novembre il progetto dell'Ombudsman per educare i ragazzi alla convivenza civile e al rispetto delle regole. Realizzata in collaborazione con la Protezione Civile e l'Ufficio scolastico regionale, l'iniziativa ha coinvolto centinaia di studenti dai 3 ai 18 anni.

Una grande mostra itinerante con i migliori lavori prodotti dagli studenti sarà la tappa finale del progetto “Legalmente: itinerari per una cultura della legalità”, promosso dall'Ombudsman, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale e il Dipartimento politiche integrate e sicurezza della Regione Marche. Questa mattina a Palazzo delle Marche ultima riunione tecnica con i rappresentanti delle scuole per definire i dettagli dell'evento. Il taglio del nastro avverrà ad Ancona, in occasione della giornata mondiale per i diritti dell'infanzia, in calendario il prossimo 20 novembre, e i ragazzi, oltre ad essere gli autori degli elaborati in mostra, saranno anche i curatori.

Agli studenti del Liceo classico Rinaldini e del Liceo artistico Mannucci di Ancona è stato infatti affidato il compito di raccogliere, selezionare e presentare i lavori, valorizzando in particolare quelli incentrati sulla convivenza civile, sul rispetto delle regole e sulla consapevolezza di essere soggetti di diritti e di doveri. Saranno circa 150 le opere esposte, tra video, dazebao in 3D, pubblicazioni, disegni, manifesti. Il progetto, al quale hanno aderito sette istituti superiori e quattro istituti comprensivi, coinvolgendo centiania di studenti dai 3 ai 18 anni, nasce come risposta alle numerose segnalazioni di atti di bullismo e di azioni violente, sia psicologiche che fisiche, ricevute dal Garante dell'infanzia da parte delle scuole, delle famiglie e dei servizi socio-sanitari.

“L'educazione alla legalità rappresenta un sostegno operativo quotidiano alla difesa dei minori dall'incalzare di fenomeni di devianza e criminalità e dalla progressiva diffusione di atti violenti” - ha sostenuto l'Ombudsman Italo Tanoni. All'incontro di oggi sono interventui, oltre alla professoressa Antonietta Fracchiolla dell'Ufficio scolastico regionale e al dottor Stefano Agostinelli del Dipartimento per la sicurezza della Regione Marche, i dirigenti scolastici degli istituti aderenti al progetto: I.I.S. Podesti Calzecchi Onesti (Ancona), I.P.S.S.A.R. Buscemi (San Benedetto del Tronto), Ist. Prof. Industria e Artigianato Ricci (Fermo), I.I.S. Bramante (Macerata), Liceo artistico “F. Mengaroni” (Pesaro), Liceo Classico Rinaldini (Ancona), Liceo Artistico Mannucci (Ancona), Istituto Comprensivo Mazzini (Castelfidardo), Istituto Comprensivo San Lazzaro (Fano), Istituto Comprensivo Cupramarittima, Istituto Comprensivo Betti (Camerino). La mostra, alla quale sarà abbinato un catalogo cartaceo e on line, farà tappa in tutte le province.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-09-2013 alle 19:55 sul giornale del 28 settembre 2013 - 1763 letture