Disparità di tempi tra il sevizio pubblico e privato su riabilitazione, interrogazione di Bucciarelli

raffaele bucciarelli 2' di lettura 26/09/2013 - Di seguito l'interrogazione a risposta scritta presentata dal Consigliere regionale Federazione della Sinistra Raffaele Bucciarelli sulla disparità di tempi tra il sevizio pubblico e quello privato (cioè a pagamento) su riabilitazione post operatoria.

Il sottoscritto Consigliere regionale

venuto a conoscenza che

il Sig. Rouf Hamzaoui, residente n Senigallia ha dovuto a operare il proprio figlio Adem di tre anni, affetto da neuroblastoma, in una clinica di Parigi;
visto che

l'operazione chirurgica ha avuto successo e che il bambino, come dichiarato dal padre, tra le altre cure, ha bisogno urgente di riabilitazione psicomotoria, che per tale cura è in lista di attesa dal mese di maggio presso la struttura dell'Istituto Beniamini di Senigallia, ove gli addetti avrebbero detto che, se svolta in forma privata, cioè a pagamento (costo previsto circa 2300 euro per 40 sedute) il trattamento potrebbe iniziare subito;
considerato inoltre che

l'80% delle spese sostenute dal Signor Hamzaoui sono riconosciute dal S.S.N. e che il restante 20% è stato riconosciuto come rimborsabile dal Servizio regionale ma che, fino ad ora, nulla è stato liquidato;
visto che

la famiglia deve pagare in Francia il costo relativo ad alcune analisi effettuate e che senza la relativa risposta i medici dell'Ospedale pediatrico “Salesi”, ove il bimbo è ora in cura, non sarebbero in grado di proporre le cure più appropriate;

chiede di conoscere

Se è intenzione dell'Assessorato intervenire al fine di garantire immediatamente al piccolo Adem la terapia di psicomotricità indispensabile non solo al recupero ma anche per evitare probabili danni non recuperabili per la sua crescita;
quale giudizio dà l'Assessore sul fatto che per un sevizio se erogato dal pubblico si debba allungare la lista di attesa, se invece si chiede in forma privata, cioè pagando, lo stesso verrebbe erogato subito;
i tempi necessari per rimborsare alla famiglia il 20% dei costi sostenute al fine di metterla nelle condizioni migliori per far curare il proprio figlio.


da Raffaele Bucciarelli
Consigliere regionale Federazione della Sinistra





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-09-2013 alle 17:26 sul giornale del 27 settembre 2013 - 1908 letture

In questo articolo si parla di politica, Raffaele Bucciarelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Sig