counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Zinni, 'L'asur Marche continua a perseguire la via del precariato'

2' di lettura
2311

Giovanni Zinni

Il Governo con il D.L. 101/13 “Disposizioni urgent i per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni” ha varato – dice Giovanni Zinni, Consigliere Regionale – nuove misure volte alla sta bilizzazione del personale precario all’interno delle pubbliche amministrazioni; tale d ecreto dispone rigide limitazioni all’utilizzo del lavoro flessibile nel pubblico imp iego e detta specifiche disposizioni affinché le stesse pubbliche amministrazioni, prima di bandire nuovi concorsi, utilizzino le graduatorie ad oggi in vigore, prorogando la val idità delle stesse sino al 31/12/15.

L’A.S.U.R. Marche tuttavia, ad oggi, nonostante le direttive statali, nonostante gli indirizzi ricevuti dalla Regione, nonostante abbia a disposizione una graduatoria valida ed utilizzabile per il personale amministrativo, forma tasi all’esito di regolare concorso pubblico, continua a bandire avvisi di contratto di collaborazione, uno per tutti, l’ultimo, pubblicato in Albo Pretorio il 10 settembre scorso. Questa condotta è inaccettabile da parte di Mezzolani e Ciccarelli.

L’avviso in questione, autorizzato con la determina nr. 647 del 09/09/2013, riguarda l’Area Controllo di Gestione della Direzione Genera le ASUR, ma a ben vedere questo avviso viene pubblicato puntualmente già da tre ann i! altro non è infatti che la riproposizione di quelli già indetti con le determi ne DG/ASUR nr.830 del 15/09/2011 e DG/ASUR nr.773 del 15/10/2012. Inutile dire che i vincitori dell’avviso sono sempr e le stesse persone, precarie, di anno in anno. Nel 2012 addirittura la graduatoria è scorsa di ulteriori due posizioni oltre i due vincitori, personale in più che poi è stato utilizz ato in uffici diversi da quello indicato in avviso. Ciò dimostra la scarsa congruità della prof essionalità richiesta nell’avviso con le mansioni poi effettivamente svolte.

Il metodico ric orso all’indizione di avvisi pubblici per il personale amministrativo operato dall’A.S.U.R. M arche mal si concilia alle esigenze di carattere esclusivamente temporaneo o eccezionale c he il richiamato D.L. 101/13 ha imposto, penalizzando ancora una volta i soggetti r isultati idonei all’esito di un regolare concorso pubblico, che dovrebbe, ed il condizionale è d’obbligo, essere l’unico canale di accesso al lavoro all’interno della Pubblica Ammini strazione.”



Giovanni Zinni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-09-2013 alle 18:30 sul giornale del 17 settembre 2013 - 2311 letture