counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Servizi sociosanitari, Comitato Associazioni Tutela: 'Dopo le riflessioni, i fatti'

2' di lettura
1895

anziani non autosufficienti

La sollevazione di associazioni (anche di livello nazionale), enti gestori e Comuni a seguito delle delibere sui servizi sociosanitari rivolti a disabili gravi, anziani non autosufficienti, persone con demenza, soggetti con disturbi psichici, ha indotto la Regione ad un ripensamento applicativo comunicato in una assemblea convocata il 3 settembre scorso. Ma come è noto, le dichiarazioni passano, mentre gli atti amministrativi restano.

Per questo motivo la Campagna “Trasparenza e diritti”, - che vede l’adesione di circa 70 organizzazioni e di importanti enti locali - costituitasi oltre un anno fa proprio per sollecitare la regione Marche a migliorare la situazione dei servizi sociosanitari, http://www.grusol.it/apriInformazioni.asp?id=2892 - chiede ora atti conseguenti (le richieste in, http://www.grusol.it/apriSociale.asp?id=744. Non basta “silenziare” le delibere, occorre migliorare la qualità e l’offerta dei servizi sia adempiendo le indicazioni nazionali sia definendo le regole di funzionamento degli stessi, così che tutti i cittadini marchigiani possano accedervi in maniera uniforme, senza intollerabili differenze tra territori. Gli atti approvati hanno agito in senso peggiorativo e dunque vanno abrogati e modificati.

Abrogata, perché peggiorativa della situazione esistente, la delibera 1011, che si poneva l’obiettivo di definire il modello organizzativo dei servizi; modificata quella (1195) che definisce quanto in ogni servizio deve pagare il servizio sanitario e quanto utenti e Comuni. E la modifica deve andare nel senso di una applicazione corretta della normativa nazionale emanata nel 2001. “Trasparenza e diritti”, si batterà con tutte le forze perché non si scarichi su utenti e Comuni oneri di competenza sanitaria.

La regione Marche dovrà ora passare dalle parole ai fatti senza dilazioni. Non si tratta di cristallizzare un inadeguato presente, ma di intervenire per assicurare ai cittadini in difficoltà quei servizi di cui hanno bisogno e diritto.

La Campagna attende dunque segnali in questa direzione. Si passi senza indugio dalle dichiarazioni ai fatti. In mancanza, al fine del raggiungimento di questo obiettivo, diventeranno indispensabili iniziative di sensibilizzazione nei confronti dell’amministrazione regionale e della popolazione marchigiana.



anziani non autosufficienti

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-09-2013 alle 16:57 sul giornale del 13 settembre 2013 - 1895 letture