counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Serra San Quirico: carcasse di polli in una buca, denunciato un allevatore

2' di lettura
2418

I Forestali di Genga hanno scoperto, presso l'azienda agricola di B. S., 61enne del posto, una buca nel terreno contenente 30 carcasse di polli morti. In corso accertamenti su eventuale inquinamento del fiume Esinante.

Nelle scorse settimane il personale del Comando Stazione Forestale di Genga – Frasassi, a seguito di segnalazione della centrale operativa regionale del Corpo Forestale di Ancona, ha effettuato un sopralluogo lungo il fiume Esinante per verificare un suo possibile inquinamento. Notando un’anomala colorazione rossastra delle acque, in particolare nelle vicinanze di un piccolo salto, e la presenza di schiuma e cattivo odore i Forestali hanno iniziato a risalire il fiume per scoprire la causa.

Effettuando dei sopralluoghi presso alcuni allevamenti nelle vicinanza hanno trovato, presso l'azienda agricola di B.S., una buca realizzata con pala meccanica, di profondità e larghezza di circa un metro e mezzo, all’interno della quale erano state ammassate circa 30 carcasse di polli morti. Il titolare dell’azienda agricola ha dichiarato di non essere a conoscenza di quanto accaduto, riferendo che all’interno dell’azienda collaboravano il coniuge, il figlio e un altro operaio. Dopo un ulteriore sopralluogo, all'interno dell'azienda è stato notato il figlio del titolare che, con l’aiuto dell’operaio, stava rimuovendo le carcasse degli uccelli, dichiarando che avrebbe provveduto immediatamente a contattare la ditta incaricata dello smaltimento degli animali rinvenuti morti in azienda, per un corretto smaltimento.

“Considerato che il sotterramento delle carcasse di animali morti nell’allevamento costituisce un reato” ha dichiarato il Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Ancona,“il titolare è stato deferito all’autorità giudiziaria competente, mentre sono ancora in corso gli accertamenti sull'eventuale inquinamento del Fiume Esinante”.



Questo è un articolo pubblicato il 10-09-2013 alle 17:44 sul giornale del 11 settembre 2013 - 2418 letture