Calcio: Ascoli, Capece spreca dal dischetto. Con il Barletta è 0-0

3' di lettura 08/09/2013 - La prima gara interna dell'Ascoli Calcio di questa stagione termina a reti bianche. Nella sfida contro un ottimo Barletta, i bianconeri falliscono a pochi minuti dal termine con Capece un calcio di rigore che molto probabilmente sarebbe valso i 3 punti.

Primo punto in questo campionato di Lega Pro per l'Ascoli Calcio che pareggia 0-0 contro il Barletta in uno stadio praticamente deserto. Infatti, sono appena 1551 gli spettatori paganti, circa un centinaio i supporters del Barletta. Semivuota la curva Sud riservata agli ultras bianconeri che, come preannunciato alla vigilia della partita, sono rimasti fuori dallo stadio in centinaia per manifestare contro la società e il presidente Benigni.

“A.A.A. Cercasi società che rispetti questa città” e “115 anni: vogliamo rispetto” sono le parole degli ultras scritte su alcuni dei tanti striscioni affissi nella zona dello stadio.

Nel primo tempo la partita è vivace con un paio di occasioni da gol da una parte e dall'altra. Il Barletta va vicino alla rete al 18' minuto con un colpo di testa del centravanti La Mantia, parato egregiamente dal portiere bianconero Russo, all'esordio, e al 26' con Ciccarelli che tutto solo in area di rigore calcia debolmente fra le braccia dell'estremo difensore avversario. L'Ascoli si fa vedere in avanti con le iniziative di Tripoli, tra i più attivi, Colomba e Giacomini e al 27' sfiora il gol con una conclusione dalla distanza di Malatesta che finisce di poco fuori dallo specchio della porta pugliese.

La ripresa comincia senza cambi e con il Barletta deciso a cercare di portare a casa i 3 punti.

Al 53' ancora un'occasione per i pugliesi con Branzani che da buona posizione calcia a lato. Cinque minuti dopo spettacolare conclusione dalla distanza di D'Errico che esce di poco all'altezza dell'incrocio dei pali. Al 62' primo legno della partita colpito dai pugliesi con una punizione del centrocampista Mantovani che si stampa sulla traversa. Al 67' Pergolizzi cambia modulo e passa alla difesa a 3 avanzando Scalise a metà campo e sostituendo un centrocampista, Hanine, con un difensore, Scognamillo. Il Barletta resta comunque la squadra più pericolosa in campo e va di nuovo vicino al gol con La Mantia e D'Errico.

All'80esimo, l'allenatore bianconero Pergolizzi si fa cacciare dall'arbitro per proteste e due minuti dopo il difensore Bianchi sfiora il gol sugli sviluppi di un corner. A 2 minuti dal termine dei 90 regolamentari, l'Ascoli usufruisce di un calcio di rigore, assegnato per un intervento falloso di Romeo su Tripoli. Dal dischetto si presenta il centrocampista Capece che clamorosamente calcia a lato.

Nel recupero i due portieri non corrono altri pericoli e la gara termina 0-0. Sia l'Ascoli che il Barletta conquistano così il primo punto della stagione.

Tabellino:

ASCOLI (4-3-2-1): Russo; Scalise, Bianchi, Schiavino, Giacomini; Hanine (67' Scognamillo), Pestrin, Capece; Colomba, Tripoli; Malatesta (72' Vegnaduzzo). A disposizione: Piacenti, Gandelli, Scicchitano, Storani, Oddi. All. Pergolizzi

BARLETTA (3-5-2): Liverani; Romeo, Camilleri, Di Bella; D'Errico, Cane (87' Cascione), Branzani, Mantovani (63' Legras), Prutsch; La Mantia (79' Picci), Cicerelli. A disposizione: Vaccarelli, Maccarone, Ilari, Ferreira. All. Orlandi

Arbitro: Giovani di Grosseto

Ammoniti: Hanine, Malatesta, Capece, Pestrin (A), La Mantia, Romeo (B)

In allegato le foto della curva Sud, degli striscioni affissi fuori dallo stadio e un video della protesta dei tifosi


di Marco Pettinelli
redazione@vivereascoli.it
 







Questo è un articolo pubblicato il 08-09-2013 alle 22:25 sul giornale del 09 settembre 2013 - 2489 letture

In questo articolo si parla di sport, ultras ascoli, vivere ascoli, ascoli calcio, barletta, lega pro, marco pettinelli, pergolizzi, capece, protesta tifosi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Rtw