counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Zinni ad Orvieto per 'gettare le basi del nuovo seme di centrodestra in Regione'

2' di lettura
1393

zinni

Inizia il Seminario organizzato dall'on. Gianni Alemanno dal titolo “Per un nuovo centrodestra: Prima L'Italia” che si svolgerà ad Orvieto, presso il Palazzo dei Capitani del Popolo, il 6 e il 7 settembre.

L'evento si prefigge l'obiettivo di intensificare il dibattito della riunificazione del le Destre sparpagliate con il fine di costruire un grande soggetto politico, erede di All eanza Nazionale, che da destra sappia parlare a tutto il centrodestra per costruir e un nuovo bipolarismo oltre gli schemi degli ultimi venti anni. Dalle Marche partec iperanno diverse decine di quadri politici provenienti dal Popolo della Libertà che, guidati da Giovanni Zinni, consigliere regionale e co-organizzatore con Aleman no dell'evento, getteranno le basi nella nostra Regione del seme della nuova destra.

“Siamo in tanti nel Popolo della Libertà – dice Giovanni Zinni – ad accettare la sfida del nuovo centrodestra organizzato su più partiti. Molti nel Popolo della Libertà andranno nella nuova Forza Italia, ma altrettanti s aranno con me per partecipare alla costruzione della nuova destra italiana. L'iniziativa di Orvieto serve a consentire che il dibattito fra le varie anime sparpagliate della des tra si intensifichi attraverso la ricerca di contenuti comuni e grandi valori.

Lanciamo il movimento Prima L'Italia proprio per ribadire che il nuovo centrodestra dovr à avere al primo posto della sua linea politica azioni dedicate alla tutela dell'ide ntità nazionale e dei supremi interessi del popolo italiano, in una logica europea e mondia le. Il centrodestra in questi anni non è riuscito ad esprimere fino in fondo questo amore per la Patria. Il nuovo soggetto di destra dovrà interpretare questo spirito con risult ati concreti. Anche nelle Marche ci saranno nelle prossime settimane iniziative in tal senso”.



zinni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-09-2013 alle 16:49 sul giornale del 06 settembre 2013 - 1393 letture