counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
comunicato stampa

Cerreto d'Esi: rinvenuti altri resti di cinghiali morti nell'Esino

1' di lettura
2005

resti cinghiali morti nell'esino

Altri resti di cinghiali morti sono stati rinvenuti dai volontari della Lega per l'Abolizione della Caccia, a seguito di un sopralluogo effettuato nello stesso tratto del fiume Esino, al confine tra i Comuni di Matelica e Cerreto d'Esi, dove qualche giorno fa era stata scoperta una discarica abusiva di questi animali.

Anche questi resti erano contenuti in sacchi neri per l'immondizia, ma da alcuni, essendo rotti, sono fuoriuscite in acqua le interiora, le budella, la pelle scuoiata ecc... E' evidente, quindi, che dopo questa ennesima scoperta, non si tratta più di un caso isolato, come qualcuno in questi giorni si era affrettato a dichiarare, cercando di minimizzare l'accaduto, ma di una vera e propria discarica di carcasse nel fiume, perdipiù, data la puzza, in avanzata fase di decomposizione.

Accanto alle carcasse dei cinghiali è stato anche rivenuto un pesce morto. Sale quindi il livello di allarme e preoccupazione tra la popolazione residente nella zona tra Cerreto d'Esi e Matelica per le possibili conseguenze sulla salute, anche perché l'acqua dell'Esino viene comunemente uitlizzata per irrigare orti e campi lungo il fiume. Si richiede quindi un monitoraggio lungo tutto il tratto del fiume Esino tra Matelica e Cerreto d'Esi, perché non è escluso che possano esserci altre discariche del genere.

Intanto non sono stati resi noti ancora i risultati delle analisi effettuate dall'Istituto Zooprofilattico di Marche e Umbria sui resti recuperati qualche giorno fa e che potrebbero essere affetti da tubercolosi. Il nuovo ritrovamento è stato segnalato al Corpo Forestale di Matelica.



... resti cinghiali morti nell'esino
... resti cinghiali morti nell'esino


resti cinghiali morti nell'esino

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-09-2013 alle 09:07 sul giornale del 02 settembre 2013 - 2005 letture