counter

Jesi: tentata rapina alla gioielleria Qirat, arrestati zio e nipote

Carabinieri 1' di lettura 25/08/2013 - Accusati di essere i responsabili di una tentata rapina a mano armata a Jesi, zio e nipote con appena sette anni di differenza sono stati arrestati dai carabinieri della locale stazione in collaborazione con i colleghi di Brindisi.

I due pugliesi, A.R. di 41 anni e D.B.G. di 34 anni, accusati di concorso in tentata rapina a mano armata a danno della gioelleria 'Qirat' di Jesi, si trovano ora rispettivamente nel carcere di Montacuto e di Brindisi.

Al momento non è escluso che zio e nipote possano essere gli autori di episodi simili, commessi anche con l’aiuto di complici del posto o giunti dalla Puglia. Pertanto proseguono in tal senso le indagini dei militari.






Questo è un articolo pubblicato il 25-08-2013 alle 23:27 sul giornale del 26 agosto 2013 - 2530 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, militari, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/QZj





logoEV
logoEV