Indesit, il M5S scende in piazza a Fabriano: 'No alle delocalizzazioni'

2' di lettura 28/07/2013 - Un corteo di circa 400 persone guidato da oltre 20 parlamentari del Movimento ha sfilato sabato 27 a Fabriano per dire no al piano di 1425 esuberi di Indesit. L'attenzione anche su molti altre industrie italiane che delocalizzano il lavoro.

La prima tappa di 'Parlamento in Movimento', il tour dei parlamentari del MoVimento 5 Stelle che escono dal palazzo e tornano in mezzo ai cittadini per presentare le loro proposte e portarle in alcuni luoghi-simbolo dei problemi italiani, è stata Fabriano. In città sono arrivati oltre 20 tra deputati e senatori del Movimento 5 Stelle per dire no 'alla fuga della Indesit e a tutte le delocalizzazioni finalizzate solo a massimizzare i profitti'.

Presenti il vicepresidente alla Camera Luigi Di Maio, il capogruppo al Senato Nicola Morra e il Capogruppo alla Camera Riccardo Nuti . Fabriano è stata scelta come città simbolo della delocalizzazione all'estero e perchè “il momento che sta vivendo la città è drammatico”, afferma il deputato fabrianese Patrizia Terzoni.

Per quanto riguarda Indesit, il tavolo tra l'azienda e i sindacati al Ministero dello Sviluppo Economico è stato rinviato e aggiornato al 17 settembre. Molti gli interventi dei parlamentari, degli attivisti e dei lavoratori che si sono susseguiti sul palco e molte le realtà analoghe a Indesit che sono state affrontate, prima fra tutte la Fiat. “La questione Indesit è simile a quella di Pomigliano. Si può uscire da questa situazione con la green economy” , così il vicepresidente alla Camera Di Maio.

L’appuntamento di Fabriano e la vicenda Indesit è stata la prima di diverse tappe di 'Parlamento in Movimento' . Il percorso toccherà, in autunno, l’Inps per i problemi legati alla previdenza, Equitalia per le inefficienze della riscossione, un carcere romano per denunciare l’insipienza delle politiche detentive proseguendo poi con altri appuntamenti.








Questo è un articolo pubblicato il 28-07-2013 alle 12:40 sul giornale del 29 luglio 2013 - 3431 letture

In questo articolo si parla di politica, fabriano, vivere fabriano, indesit, Movimento 5 Stelle, Raffaela Cesaretti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/P1u


Dell'importanza della notizia il cittadino può essere portato a consocenza solo graie a Vivere Ancona, Ancona Today ed Il FAtto Quotidiano.
Ormai le responsabilità dell'attuale situazione fallimentare nazinali sono chiare cosi come il ruolo della stampa di regime.
Gli unici che comprendono, a livello politico, le ragioni dei lavoratori e degli imprenditori seri anche cioè il M5S.