Trasporto pubblico locale e aumento tariffe, Viventi replica alla Cisl

Luigi Viventi 1' di lettura 27/06/2013 - “In un momento di grave crisi come quello che stiamo attraversando sono richiesti a tutti il massimo senso di responsabilità e la massima competenza nell’affrontare i problemi, ma la dichiarazione della Cisl sull’aumento delle tariffe del Tpl va nel senso contrario. Le tariffe riguardano un problema gestionale delle aziende, che nulla ha a che vedere con l’entità dei trasferimenti statali,” commenta l’assessore ai Trasporti Luigi Viventi, impegnato a Roma proprio in queste ore con il ministro Lupi per affrontare quest’ultimo problema.

“Negli ultimi tre anni – prosegue Viventi - l’impegno mio personale, a nome del governo regionale, è stato proprio quello di non concedere aumenti delle tariffe, nonostante che gli stesso fossero giustificati dagli enormi aumenti dei costi fissi (in particolare assicurazioni e carburanti), cosa che la Cisl dovrebbe molto ben conoscere. Eravamo però arrivati a un punto in cui le aziende erano al limite della sopravvivenza, mettendo a rischio molti posti di lavoro nella nostra regione”.

“Non credo – conclude Viventi – sia il caso di fare facile demagogia, ora che servono, da parte di tutti, responsabilità e capacità di fare proposte e di trovare soluzioni concrete, nell’interesse del territorio”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-06-2013 alle 19:01 sul giornale del 28 giugno 2013 - 1946 letture

In questo articolo si parla di regione marche, economia, luigi viventi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/OLV