Colli del Tronto: Unioncamere Marche, scomparse 2.622 aziende

2' di lettura 19/06/2013 - Negli anni della crisi, tra il 2009 e il 2012, le imprese marchigiane in attività sono scese da 160.237 a 157.615, con la scomparsa di 2.622 aziende di cui 783 manifatturiere e 784 dell’edilizia. Nello stesso periodo, le persone in cerca di occupazione sono passate da 46.487 a 64.725 con 18.238 nuovi disoccupati di cui 12.600 giovani sotto i 24 anni.

Dopo quasi un quinquennio di crisi prolungata, il sistema produttivo e il mercato del lavoro regionali sono in grave difficoltà. Soprattutto i giovani, che non riescono a trovare lavoro. E’ al mondo giovanile che guarda la “11^ Giornata dell’Economia delle Marche”, organizzata dall’Unioncamere al Centro Congressi dell’Hotel Casale di Colli del Tronto (Ap), sabato 22 giugno alle ore 10.

In occasione dell’iniziativa, verrà presentato un ampio e articolato rapporto sullo stato dell’economia marchigiana, che si propone di offrire una lettura nuova ed originale del territorio e delle tendenze evolutive dei sistemi produttivi. Il quadro economico regionale verrà presentato dal presidente di Unioncamere Marche Adriano Federici nella relazione introduttiva. “Anche nel 2012 - afferma Federici - abbiamo assistito ad un ridimensionamento dell’imprenditorialità regionale, in particolar modo delle piccole e medie imprese che costituiscono l’ossatura del nostro sistema economico. Inoltre, alla contrazione dei consumi registrata in regione, si è aggiunta una marcata stretta creditizia. In mancanza di risorse, le imprese marchigiane non si trovano pronte ad affrontare i necessari investimenti per favorire la ripresa economica”.

Sarà il responsabile dell’Ufficio Studi regionale della Banca D’Italia Giacinto Micucci ad affrontare il tema del credito e della situazione economica e finanziaria delle imprese negli anni della crisi. Inoltre, il preside della Facoltà di Economia “G.Fuà” dell’Università Politecnica delle Marche Gian Luca Gregori parlerà dell’economia digitale e dei giovani: quali nuove opportunità di sviluppo. Infine è prevista una tavola rotonda per ascoltare le voci delle istituzioni e degli imprenditori marchigiani sui temi del credito, dell’internazionalizzazione, dei giovani, dell’economia digitale e dell’innovazione.

A confrontarsi saranno il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca, Giorgio Aguzzi in rappresentanza dell’artigianato, Fausto Calabresi per il commercio e turismo, Renzo Formentini per il comparto calzaturiero, Gennaro Pieralisi in rappresentanza degli industriali e Massimo Ubaldi per il settore edile. A moderare il dibattito che avrà come titolo “Le Marche dalla resilienza allo sviluppo: quali prospettive, per quale futuro?”, sarà il direttore del Corriere Adriatico Paolo Traini.



...

...