Camerino: anche Unicam ha aderito alla campagna per il diritto all’identità dell’Ambasciata Argentina in Italia

abuelasdeplazademayo 1' di lettura 20/05/2013 - L’Università di Camerino ha aderito alla campagna per il diritto all’identità lanciata dall’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia e dalla Commissione Nazionale per il Diritto di Identità.

In Argentina, nel corso dell’ultima dittatura 1976-1983, oltre ai 30.000 desaparecidos, i militari fecero scomparire centinaia di bambini. Il loro atroce protocollo stabiliva che quando sequestravano una donna incinta la mantenevano in vita finché partoriva. Poi le si toglieva il bimbo che veniva dato in adozione con documenti falsi o consegnato ad altri militari o complici. La madre veniva uccisa o gettata viva in mare. Oltre cinquecento bambini hanno seguito questa sorte: 107 sono stati recuperati dall’instancabile lavoro delle Abuelas (Nonne) de Plaza de Mayo.

Ma ne restano ancora molti da ritrovare e alcuni di loro potrebbero risiedere oggi in Italia. Se si è argentini e si hanno dei dubbi sulla propria identità o si conoscono giovani argentini che possano avere dubbi sulla propria identità, si può contattare il Consolato Argentino più vicino o l’ambasciata Argentina in Italia, Sezione Diritti Umani: i funzionari saranno in grado di offrire il supporto necessario per chiarire la propria situazione con la più assoluta confidenzialità oppure si può anche contattare la Rete per l’Identità in Italia: e-mail: dubbio@retex.it, tel. 335.5866777.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-05-2013 alle 18:55 sul giornale del 21 maggio 2013 - 1591 letture

In questo articolo si parla di attualità, università di camerino, camerino, Unicam, abuelasdeplazademayo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Nc5