counter

Calcio: Ascoli battuto a Cittadella. I bianconeri retrocedono in Lega Pro

3' di lettura 18/05/2013 - È finita con la retrocessione la stagione dell'Ascoli. Serviva solo la vittoria sul campo del Cittadella, per sperare nel play-out. È arrivata invece una sconfitta, maturata nei minuti finali, dopo una prova generosa offerta dai ragazzi di Silva, soprattutto da Zaza che ha provato in tutti i modi, caricandosi la squadra sulle spalle, a tenere i suoi in cadetteria. Con i bianconeri retrocede in Lega Pro anche il Vicenza, che non va oltre lo 0-0 al “Menti” contro la Reggina.

Primo tempo della partita di marca prevalentemente ascolana. La squadra di Silva prova a rendersi pericolosa più volte, soprattutto con conclusioni dalla lunga distanza di Zaza e di capitan Di Donato.

Al 34' Fossati, già ammonito, compie un brutto intervento a metà campo su un avversario. L'arbitro Irrati estrae il secondo giallo e quindi il rosso per il centrocampista, ancora una volta protagonista in negativo dopo il penalty fallito 7 giorni fa contro la Ternana.

I bianconeri, però, nonostante l'inferiorità numerica, non demordono e 4 minuti dopo colgono una clamorosa traversa con Zaza, direttamente da calcio di punizione.

Al 43' l'unica vera occasione del primo tempo per il Cittadella con il difensore Coly che tutto solo in area, sugli sviluppi di un calcio piazzato, manda incredibilmente a lato.

Al "Tombolato" la prima frazione di gioco termina sullo 0-0, così come la sfida di Vicenza tra i padroni di casa e la Reggina.

In apertura di ripresa l'Ascoli continua a fare la partita consapevole di dover obbligatoriamente portare a casa i 3 punti e sperare, anche se la prima occasione del secondo tempo è del Cittadella, con Di Carmine che da buona posizione manda fuori di poco.

Zaza risponde per l'Ascoli con una spettacolare rovesciata, su assist di Di Donato, che finisce però centralmente tra le braccia del portiere avversario Pierobon.

Al 61' si ristabilisce la parità numerica in campo: proprio nel momento migliore del Cittadella, Paolucci, già ammonito, si fa cacciare dopo un altro intervento da giallo a metà campo.

I bianconeri restano così in partita e Silva decide di inserire un'altra punta, Montalto, al posto dell'esterno Pasqualini, per provare a portare a casa i 3 punti.

L'Ascoli continua a provarci ma deve arrendersi all'ultimo minuto di recupero. I bianconeri, sbilanciati in avanti a caccia del gol partita, si fanno sorprendere da un contropiede del Cittadella, finalizzato da Baselli con una conclusione di destro all'interno dell'area sulla quale nulla può il portiere Gomis.

I bianconeri tornano così in Lega Pro dopo 11 anni.

Tabellino:

CITTADELLA (3-4-1-2): Pierobon; Gasparetto, Coly, Pellizzer; Baselli, Paolucci, Sosa, Biraghi; Di Roberto (63' Schiavon); Di Nardo (90' Minesso), Di Carmine (67' Giannetti). A disposizione: Cordaz, Vitofrancesco, De Vito, Pecorini. All. Foscarini.

ASCOLI (3-5-2): Gomis; Faisca, Peccarisi, Ricci; Scalise, Fossati, Di Donato (84' Morosini), Russo (80' Loviso), Pasqualini (75' Montalto); Zaza, Feczesin. A disposizione: Maurantonio, Conocchioli, Prestia, Gragnoli. All. Silva

ARBITRO: Irrati M.

MARCATORE: 96' Baselli (C)

AMMONITI: Fossati (A), Paolucci (C), Pasqualini (A), Sosa (C), Faisca (A)

ESPULSI: Fossati (A) al 34', Paolucci (C) al 61'

Classifica finale della Serie B 2012 – 2013: Sassuolo 85 punti, Verona 82, Livorno 80, Empoli 73, Novara 64, Brescia 62, Varese 60, Modena 54, Bari 53, Padova 53, Crotone 52, Spezia 50, Ternana 50, Cittadella 50, Cesena 49, Juve Stabia 49, Reggina 49, Lanciano 48, Vicenza 42, Ascoli 41, Pro Vercelli 32, Grosseto 25.


di Michele Piccioni
redazione@vivereascoli.it
 





Questo è un articolo pubblicato il 18-05-2013 alle 19:06 sul giornale del 20 maggio 2013 - 2871 letture

In questo articolo si parla di sport, redazione, calcio, ascoli, serie B, Cittadella, vivere ascoli, ascoli calcio, lega pro, Michele Piccioni, zaza, massimo silva, retrocessione, fossati, stadio tombolato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/M9U





logoEV
logoEV