counter

Pesaro: sventata truffa dello specchietto ai danni di un 71enne

truffa dello specchietto 3' di lettura 08/05/2013 - Personale della Squadra Mobile di Pesaro, nei giorni scorsi, nei pressi del Pronto Soccorso, è intervenuto a seguito del tentativo di truffa ai danni di un 71enne pesarese, attuato da una coppia di italiani con il sistema del finto urto dello specchietto retrovisore della vettura.

La pattuglia, che transitava nei pressi del Pronto Soccorso, è stata attirata dall’atteggiamento concitato di un ragazzo ed una ragazza, intenti a discutere con un automobilista.

Gli Agenti si sono avvicinati e dopo aver identificato la coppia, un 25enne ed una 27enne, entrambi residenti nella Provincia di Salerno ed a Pesaro di passaggio e l’automobilista, un 71enne del posto, hanno iniziato ad acquisire informazioni utili alla ricostruzione di quanto accaduto. Hanno avuto così modo di appurare che poco prima il 71enne, percorrendo alla guida della sua autovettura via Belvedere, aveva oltrepassato la coppia in questione, percependo, nel farlo, un leggero urto allo specchietto retrovisore. Guardando indietro si era avveduto che la ragazza era a terra. Fermatosi per prestarle soccorso, veniva accusato da quest’ultima, asseritamente dolorante ad una mano ed in stato interessante e dal suo compagno, di averla investita.

L’automobilista, convinto dalle argomentazioni dei due, aveva già accettato di compilare il modello per la constatazione amichevole di sinistro stradale e di fare denuncia alla sua compagnia di assicurazioni.

A fronte della determinazione mostrata dai Poliziotti ad andare a fondo alla vicenda e ad accertare con precisione la dinamica dell’incidente, i due giovani hanno cambiato versione, negando che la ragazza si trovasse in stato interessante e minimizzando l’accaduto e l’entità delle lesioni da questa subite. La donna, infatti, ha dichiarato di non provare più alcun dolore alla mano e di non necessitare, pertanto, di alcuna cura medica.

La nuova versione, però non ha convinto gli Agenti che ritenendo che i due giovani stessero per perpetrare una truffa ai danni dell’ignaro automobilista, che al momento non ha ancora sporto querela nei loro confronti, li ha accompagnati presso la Questura per ulteriori accertamenti e di seguito li ha muniti di Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune di Pesaro per anni tre.

La Polizia invita i cittadini a prestare particolare attenzione a questa tipologia di truffe, diffuse nel Territorio Nazionale e verificatesi anche nella nostra Provincia, attuate sia con le modalità su descritte, spesso con la complicità di altre persone che fungono da testimoni di incidenti inesistenti, che con il sistema del finto urto fra specchietti di vetture che si incrociano. In quest’ultimo caso i potenziali truffatori, provocano un leggero colpo sulla fiancata della macchina della vittima all’atto di incrociarla con il proprio mezzo, lanciandole contro una piccolo oggetto come un sasso. Quindi inducono l’autista a fermarsi ed iniziano a richiedergli con prepotenza un risarcimento, in genere 100 o 200 euro, per la sostituzione dello specchietto retrovisore rotto a seguito di un’inesistente urto. La raccomandazione, in caso di dubbio, e quella di richiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine per la constatazione del sinistro stradale.






Questo è un articolo pubblicato il 08-05-2013 alle 18:17 sul giornale del 09 maggio 2013 - 2451 letture

In questo articolo si parla di cronaca, truffa, pesaro, roberta baldini, notizie pesaro, polizia pesaro, truffa pesaro, news pesaro, truffa dello specchietto, specchietto, squadra mobile pesaro, croanca pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/MH2





logoEV
logoEV