counter

Ancona: 'Il volto della speranza', un convegno sul volontariato nelle carceri

Carcere 2' di lettura 06/05/2013 - Il 9 e il 10 maggio ad Ancona un convegno sul volontariato nelle carceri promosso dall'Ombudsman delle Marche in collaborazione con l'Università di Camerino.

Partecipano i Garanti dei detenuti di tutte le regioni. Invitata la Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini

In carcere sono il “il volto della speranza”. Si occupano delle esigenze materiali dei detenuti, dagli indumenti al dentifricio, oppure, secondo quanto prevede il regolamento penitenziario, tengono corsi, offrono esperienze formative, realizzano attività specifiche dal valore trattamentale. In entrambi i casi parliamo delle persone che scelgono di entrare in carcere per aiutare il prossimo e creare un ponte con il mondo fuori. Un fenomeno in crescita, oggetto di una ricerca promossa dall'Ombudsman delle Marche in collaborazione con l'Università di Camerino e al quale è dedicato il convegno “Il volto della speranza. Volontariato negli istituti penitenziari delle Marche” ad Ancona (Regione Marche, Palazzo Leopardi) il 9 e 10 maggio.

“Fino a pochi anni fa la presenza dei volontari era ridotta, svolgevano per lo più un ruolo di carattere assistenziale, surrogatorio, concentrato sui bisogni dei detenuti, dall'igiene al vitto – spiega il Garante regionale dei diritti dei detenuti Italo Tanoni - Con il tempo il loro perimetro di azione è diventato più diversificato e autonomo, fino ad operare in settori una volta impensabili, come la realizzazione di testate giornalistiche”. I risultati della ricerca, condotta dalla sociologa Patrizia David della Facoltà di giurisprudenza Unicam, saranno presentati nel corso del convegno, durante il quale si svolgerà anche l'Incontro nazionale dei Garanti dei detenuti.

Le due giornate di confronto, alle quali è stata invitata la Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, coinvolgeranno i principali protagonisti del pianeta carcere, dal Vice capo del Dap Luigi Pagano al responsabile nazionale psicologia penitenziaria Alessandro Bruni. “Crediamo – conclude Tanoni - che mettere insieme intorno ad un tavolo tutta una serie di istituzioni, che vanno dal Prap all'Uepe, fino alla sanità penitenziaria e ai servizi socio-assistenziali, possa servire a fare il punto sui problemi del carcere e sui rapporti che esistono tra realtà istituzionali e volontariato”.

L'evento, aperto dal saluto del Presidente del Consiglio regionale Vittoriano Solazzi giovedì 9 maggio alle ore 10.00, sarà trasmesso in diretta streaming (www.ombudsman.marche.it) e riconosce crediti formativi per gli assistenti sociali.






Questo è un articolo pubblicato il 06-05-2013 alle 18:38 sul giornale del 07 maggio 2013 - 2533 letture

In questo articolo si parla di marche, Assemblea legislativa delle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/MBI





logoEV
logoEV