counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Ancona: intascano mazzetta da 8 mila euro da un imprenditore, in manette un romano con il suo 'guardaspalle'

2' di lettura
1974

Carabinieri

Intascano mazzetta da 8 mila euro da un imprenditore, in manette un romano con il suo 'guardaspalle'. Colti in flagranza di reato dai Carabinieri. I due avevano minacciato quotidianamente l'uomo.

Il nucleo operativo e radiomobile, dopo una lunga attività d’indagine, traeva in arresto un cittadino romano C.G. classe 74 e il suo guardaspalle D.M. classe 52. L'accusa per loro é estorsione. Coinvolto nella vicenda un imprenditore anconetano che in passato aveva avuto rapporti di lavoro con l'aguzzino. Rapporti definitivamente conclusi da diversi mesi.

Ma é qui che i problemi per l’imprenditore sono iniziati: ad ogni ora del giorno e della notte l'uomo riceveva richieste di denaro con tanto di minacce a lui e alla sua famiglia. Minacce che si sono concretizzate quando un paio di mesi fa il romano si era presentato negli uffici dell’imprenditore con altre due persone spaventando le collaboratrici e reiterando con atteggiamenti sempre piu’ espliciti, le sue richieste estorsive. E da qui che l’imprenditore decideva di rivolgersi ai Carabinieri del nucleo operativo.

Scatta l'attivita’ info-investigativa che acclarando le responsabilità del romano. Le minacce poi proseguite costantemente durante tutte queste settimane fino a quando l’imprenditore impaurito ed esausto ha deciso di cedere alle richieste. Accordato un incontro nella giornata di martedì con tanto di militari informati. Colti in flagranza di reato l’estorsore che si e’ presentato puntualmente negli uffici dell’imprenditore per riscuotere una mazzetta da 8000 euro in contanti. Ma ad attenderlo c'erano i Carabinieri: fermato l’estorsore con ancora la busta di denaro in mano ed il suo guardaspalle. Per loro, dunque, nulla da fare: scattano le manette. I due sono ora a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Le indagini non si fermano qui, stando agli ultimi aggiornamenti dei Carabinieri, la vicenda potrebbe avere ulteriori sviluppi.



Carabinieri

Questo è un articolo pubblicato il 27-03-2013 alle 15:01 sul giornale del 28 marzo 2013 - 1974 letture