counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Sanità: l'assessore Mezzolani, 'La questione del personale riguarda solo in parte la riforma sanitaria in atto'

1' di lettura
2246

almerino mezzolani

“La questione del personale riguarda solo in parte la riforma sanitaria in atto che prevede invece l’intera ristrutturazione del sistema sanitario regionale”. Ci tiene a sottolinearlo l’assessore alla sanità Almerino Mezzolani in risposta alle valutazioni espresse da Cgil Cisl e Uil oggi riuniti all’Auditorium della Fiera di Ancona per una giornata di mobilitazione sulla sanità marchigiana.

“Innanzitutto – prosegue Mezzolani – ribadisco il massimo rispetto nei confronti della manifestazione dei sindacati. I provvedimenti nazionali e i tagli lineari effettuati dal Governo nazionale sono difficili da accettare anche per la giunta regionale. Le proteste sono quindi più che legittime, ma di fronte all’ipotesi di un commissariamento, è necessario un radicale cambiamento per recuperare i 188 milioni di euro necessari a coprire i fondi statali venuti meno. "

"Stiamo lavorando sui grandi aggregati, sulla riorganizzazione e riqualificazione del sistema nel suo complesso e delle sue strutture, al fine di avere una sanità economicamente sostenibile basata sull’appropriatezza. In questo contesto di rivoluzione generale i disagi sono ovviamente comprensibili. Per quanto riguarda la giunta regionale, posso però confermare, ancora una volta, la ferma volontà di proseguire un confronto costruttivo con i sindacati basato sulla trasparenza e sulla lealtà. Dobbiamo infatti sempre tenere presente che l’obiettivo che ci accomuna, da una parte e l’altra del tavolo, è una sanità pubblica e d’eccellenza, moderna ed efficiente, al servizio di tutti i marchigiani. Sanità pubblica che, con i tagli lineari effettuati dal governo nazionale, viene messa fortemente in discussione e va quindi difesa con tutti i mezzi a nostra disposizione”.



almerino mezzolani

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2013 alle 18:40 sul giornale del 26 marzo 2013 - 2246 letture