counter

Una proposta di legge per l'educazione alimentare e la valorizzazione del biologico

Giancarlo d'Anna 2' di lettura 20/03/2013 - La PdL è stata presentata nel corso di una conferenza stampa svoltasi mercoledì 20 marzo 2013, alle ore 12, presso il Palazzo Leopardi della Regione Marche.

“Acquisire stili alimentari corretti, orientando le scelte al consumo, facendo apprezzare la qualità dei prodotti tipici locali, promuoverne la conoscenza e la più ampia utilizzazione, anche nella ristorazione collettiva regionale”. Questa la premessa della Proposta di Legge presentata dal Consigliere Regionale Giancarlo D'Anna, Presidente del Gruppo Misto e Vice Presidente della V Commissione Sanità.

Durante la conferenza stampa tenutasi mercoledì 20 marzo 2013 nella sede della Regione, il Consigliere D'Anna, affiancato dal Presidente Regionale della Confederazione Agricoltori Italiana (CIA), Nevio Lavagnoli, e dal Presidente della Cia di Pesaro e Urbino, Gianfranco Santi, ha esposto le motivazioni che stanno alla base di tale proposta: la salute e il benessere dei cittadini nascono a tavola, visto che la dieta mediterranea e marchigiana sono state certificate dall'Unesco come “patrimonio immateriale dell'umanità”.

La PdL si prefigge tre obiettivi: favorire l'educazione alimentare nelle scuole fin da piccoli affinché siano consapevoli della dieta locale e della salute; fare in modo che almeno il 70% dei prodotti consumati nelle mense siano di origine biologica e locale; consumare i prodotti marchigiani per sostenere e dare valore alle imprese agricole nostrane.

In particolare, Lavagnoli ha spiegato come l'educazione alimentare nasce e si sviluppa nelle mense scolastiche: “Come emerge da una recente indagine effettuata dalla stessa CIA nelle scuole della Regione, il 78% dei genitori, nonostante la crisi, – precisa il Presidente della Cia – è disposto a spendere di più pur di dare ai figli un'alimentazione adeguata e coerente con i prodotti biologici tipici locali”. Per Santi, il Consigliere D'Anna si è fatto “interprete di una volontà sentita da molte famiglie”.

“Nelle scuole – ha aggiunto D'Anna – occorrerebbero inoltre dietisti capaci di creare menù giornalieri per tutti gli studenti”. Attraverso tale proposta di legge, cui hanno aderito numeri consiglieri, si intende dare un segnale di forte orgoglio regionale a partire dalla valorizzazione del territorio, dell'agricoltura e della produzione nostrana.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-03-2013 alle 16:46 sul giornale del 21 marzo 2013 - 1734 letture

In questo articolo si parla di attualità, Giancarlo d'anna, gruppo misto, consiglio regionale, educazione alimentare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/KQl





logoEV
logoEV