Obuv e Mitt a Mosca, il presidente Spacca: 'Le Marche il punto di forza del Made in Italy'

Obuv Mosca 3' di lettura 19/03/2013 - “Risultati in linea con le aspettative; un’ottima vetrina per il Made in Italy, che nella impresa manifatturiera marchigiana ha il suo punto di forza”.

E’ all’insegna di una fiducia consapevole che si svolge la breve visita del presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca all’Obuv di Mosca, la Fiera internazionale della calzatura. Con circa 130 imprenditori marchigiani su 220 presenze italiane, la delegazione regionale è la più rappresentativa.

“Una presenza quantitativamente e qualitativamente forte – dice Spacca, che martedì mattina ha visitato gli stand marchigiani e incontrato gli imprenditori – che riscuote sempre una grande attenzione presso i buyers russi. Gli stand marchigiani affollati di clienti rassicurano gli imprenditori che avvertono la difficoltà della fase economica. Una buona soddisfazione per le aziende, ma anche per tutta la nostra economia, per il reddito e l’occupazione dei marchigiani. Alla vigilia dell’apertura dell’Obuv si respirava una certa preoccupazione perché appena due settimane fa, al Micam di Milano, si era registrato un +30% di clienti russi. Una flessione, a così poca distanza di tempo, sembrava inevitabile. Invece le calzature marchigiane hanno registrato subito buoni risultati in termini di vendite. La presenza ad eventi come l’Obuv – aggiunge Spacca – è di particolare importanza per il settore: non si tratta di semplici esposizioni, ma di fiere in cui si firmano contratti e si vendono prodotti. Essere qui è doveroso, soprattutto per un settore che dà direttamente lavoro a 30mila persone nelle Marche e che rappresenta quindi il cuore dell’economia regionale”.

Spacca, visitando gli stand e confrontandosi con gli imprenditori marchigiani, li ha esortati a mantenere alta la motivazione imprenditoriale intorno al Made in Italy, vero punto di riferimento per il mercato globale. “E’ infatti elevatissimo – dice – il contributo della creatività degli imprenditori marchigiani al successo internazionale del Made in Italy. I nostri prodotti sono in grado di generare suggestioni che raccontano la storia di una civiltà, il modello di vita, la bellezza di un territorio. Anche se, appare ormai chiaro, la forza delle Marche, da sola, non basta. I problemi dell’Italia si avvertono infatti con chiarezza nelle considerazione degli operatori internazionali, anche russi. Se l’Italia non ritroverà presto la sua stabilità economica, le nostre esportazioni e la strategia di internazionalizzazione che la Regione sostiene con grande determinazione, pagheranno prezzi pesantissimi a causa della perdita di reputazione del nostro sistema Paese, nonostante l’impegno degli imprenditori e delle Istituzioni regionali”.

Non solo calzature. Di scena questi giorni a Mosca anche il Mitt, la Fiera internazionale dei viaggi e del turismo. Spacca, che lunedì 18 marzo ha annunciato l’avvio del volo diretto Ancona-Mosca, ha incontrato la folta delegazione marchigiana che ha ospitato 170 tour operator (con i quali sono in corso btob improntati alla massima concretezza) e 40 giornalisti russi, cui sono stati declinati i diversi “turismi” che la nostra regione è in grado di offrire: dal mare alla montagna, dal Piceno al Montefeltro.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-03-2013 alle 17:43 sul giornale del 20 marzo 2013 - 1954 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, spacca, mosca, mitt

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/KNV





logoEV