Vicenda delle centrali a biogas, Bucciarelli: 'Le nostre interrogazioni non erano infondate'

raffaele bucciarelli 1' di lettura 15/03/2013 - In merito alla recente indagine nell'autorizzazione per le centrali biogas e biomasse il Consigliere Raffaele Bucciarelli del Partito dei Comunisti Italiani dichiara che le nostre battaglie in Consiglio regionale e le continue denunce-richieste per avere risposte alle nostre Interrogazioni non erano infondate.

Confidiamo sulla Magistratura per la giusta valutazione del caso ma certo questa vicenda è fortemente caratterizzata da una politica della maggioranza, dell'Assessore addetto e del Presidente totalmente sorda alle richieste del territorio.

Il giudizio, oltre che giuridico, che spetta alla Magistratura, deve assolutamente essere politico: “Il laboratorio Marche” dà i suoi frutti che sono ora sotto gli occhi di tutti. Il Presidente e l'Assessore non possono oggi cadere dal cielo!

Cittadini singoli, Comitati e persino Sindaci che hanno chiesto di essere ascoltati e di vedere rispettate le loro volontà sono stati per mesi umiliati dalla cieca volontà di autorizzare le Centrali che oggi sono oggetto dell'inchiesta.

Crediamo, infine, che i Consiglieri regionali dovranno essere a conoscenza di ciò che è accaduto, magari istituendo una Commissione ad hoc in Consiglio regionale.
Resta, comunque, la speranza che i Consiglieri regionali di maggioranza si ravvedano su questo modo di operare da parte della Giunta.


da Raffaele Bucciarelli
Consigliere regionale Federazione della Sinistra





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-03-2013 alle 17:38 sul giornale del 16 marzo 2013 - 2723 letture

In questo articolo si parla di politica, Raffaele Bucciarelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/KE5