counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Civitanova: minaccia la vicina di casa col fucile, in casa aveva balestre, scacciacani e munizioni

2' di lettura
1420

Minacce da parte di un vicino, questo quello che ha riferito in mattinata un'anziana signora di Civitanova Alta al commissariato cittadino che intorno alle 10 é intervenuto con una Volante. La donna, un'ottantenne del luogo, aveva riferito che il suo dirimpettaio l’aveva minacciata con un fucile e che successivamente, preso atto dell’arrivo della Polizia, si era nascosto nello scantinato dell’edificio, in uno stanzino che lui possedeva.

I poliziotti si sono recati immediatamente nel piano sottoscala dove hanno notato la porta socchiusa di uno stanzino. Invitato l’uomo ad uscire, chiedendo se avesse con se o nella sua disponibilità delle armi questi ha negato e, contestualmente, tentato di chiudere frettolosamente la porta d’ingresso dello stanzino. In base alle dichiarazioni ricevute e all'atteggiamento sospettoso dell'uomo sul posto sul posto é stato richiesto l’intervento di altro personale in ausilio al fine di effettuare una perquisizione del locale alla ricerca di armi. La perquisizione dello stanzino, infatti, ha dato esito positivo. Rinvenuti una carabina ad aria compressa ed una sciabola.

La perquisizione, estesa all’abitazione dell’uomo, ha permesso di trovare anche una gran quantita’ di armi improprie, del tipo pistola scacciacani, alcune potenti balestre di diverso formato, munite di dardi appuntiti e taglienti nonche’ munizionamento da caccia. La signora, terrorizzata dall'accaduto ha riferito afli agenti di aver udito sbattere con forza due porte e che per il rumore aveva aperto la porta di casa sua, per verificare cosa fosse successo. In quella circostanza aveva notato il vicino di casa, suo dirimpettaio, con in mano un fucile il quale, alla richiesta di far meno rumore, con l’arma imbracciata, l’aveva minacciata di morte, urlando che dentro il palazzo comandava lui e che non temeva nulla visto che aveva diversi avvocati.

Per questo motivo la donna, impaurita dalla reazione dell’uomo, temendo per la sua incolumità, si era rifugiata dentro la propria abitazione ed aveva avvertito la Polizia, affermando tra l’altro che già in passato era stata minacciata dal vicino. L’intervento è stato tempestivo ed ha scongiurato ulteriori brutte conseguenze. Tutte le armi sono state sequestrate e la persona verrà deferita all’Autorità Giudiziaria per i reati di minacce aggravate dall’uso di armi e possesso ingiustificato di munizionamento.





Questo è un articolo pubblicato il 20-02-2013 alle 19:27 sul giornale del 21 febbraio 2013 - 1420 letture