counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Pagamenti bloccati alle imprese, Rocchi (Rivoluzione Civile): 'Patto di stabilità affonda l’economia reale'

1' di lettura
1553

augusto rocchi

“Non c’è dubbio che i vincoli imposti alle pubbliche amministrazioni dal Patto di stabilità, oltre a produrre uno svuotamento del welfare locale, rappresentino un cappio al collo dell’economia reale e un gravissimo rischio per l’occupazione.

Sono migliaia le aziende che stanno chiudendo, comprese quelle che si sono distinte nell’innovazione tecnologica e nello sviluppo di nuovi prodotti, a causa del mancato pagamento di beni e servizi forniti agli enti locali. Il risultato è un’inarrestabile emorragia di posti di lavoro e un grave impoverimento del tessuto produttivo. Senza contare, poi, il blocco degli investimenti pubblici che va a incidere negativamente nel Pil. Eppure Bersani, Monti e Berlusconi continuano a parlare solo del necessario rispetto dei diktat europei che servono a salvare le banche e l’alta finanza”.

Così Augusto Rocchi, candidato nelle Marche di Rivoluzione Civile, commenta i dati forniti questa mattina da Il Sole 24 Ore sui circa 140 miliardi di euro di pagamenti alle imprese bloccati dalle pubbliche amministrazioni.

“È evidente – continua Rocchi – che la crisi del credito e quella dei pagamenti della pubblica amministrazione si saldano sottraendo liquidità alle aziende. Urge allargare questa morsa, da un lato favorendo la costruzione di un polo pubblico del credito e dall’altro provvedendo ad allentare i vincoli del patto di stabilità. È possibile farlo, basta averne il coraggio. Invece gli amministratori locali di Pd e Pdl ululano alla luna, mentre i rispettivi partiti nazionali non solo non hanno mosso un dito per risolvere il problema, ma ripropongono le stesse ricette che hanno prodotto questo disastro sociale ed economico”.



augusto rocchi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2013 alle 19:30 sul giornale del 19 febbraio 2013 - 1553 letture