counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Terza giornata alla Bit, Marcolini: 'Il traino della Cultura per destagionalizzare l’offerta turistica'

3' di lettura
1741

le Marche alla bit di milano

“Le Marche sono molto radiofoniche perché diventano mezzo per trasmettere la bellezza diffusa di cui si gode in questa regione.”

Con questo inatteso “spot” Massimo Cirri conduttore di Caterpillar e fondatore del CateRaduno ha riassunto un senso delle Marche e della loro scoperta, sul palco che sabato mattina nello stand regionale della BIT ha ospitato la stagione degli spettacoli e della cultura, con la conduzione di Marta Paraventi. E il curatore di Caterpillar, Renzo Ceresa ha confermato che Senigallia è stata scelta da otto anni come sede ideale del CateRaduno proprio perché unisce alla bellezza del territorio, la stupenda accoglienza e la tradizione culturale.

L’assessore regionale alla Cultura , Pietro Marcolini ha colto al volo l’idea per lanciare la proposta di un Festival delle Radio nazionali da ospitare in futuro nella nostra regione “dove- ha ricordato- si sta traducendo una politica turistica che poggia sulla valorizzazione dei beni culturali. La Cultura nelle Marche, con la valorizzazione del suo patrimonio, che sia spettacolo dal vivo o beni culturali, non è solo un predicato verbale , ma la semina di un terreno produttivo che diventa il terzo motore di sviluppo della nostra economia. “ Quindi ha ricordato che “ le Marche negli ultimi 15 anni sono state la Regione che ha investito più di tutte le altre nel recupero dei beni storico-culturali, quasi 600 milioni di euro per riportare allo splendore il patrimonio dei nostri bellissimi centri storici. “Abbiamo polarizzato la Cultura non solo come bene autonomo- ha concluso l’assessore- ma come giacimento trasversale di beni materiali e immateriali per diventare risorsa economica sana e di sviluppo. “

In tal senso Marcolini ha poi ricordato le energie e le iniziative che ruotano attorno al progetto Happy Museum “che rappresentano anche il senso di innovazione nella Cultura e di perfetta integrazione con un Turismo che fa del web una strategia di comunicazione privilegiata.” Happy Museum infatti non è solo l’animazione di luoghi deputati alla Cultura in senso classico , come pinacoteche o archivi o musei che - ha detto Marcolin- vanno ripuliti da una patina del tempo , dalla polvere, per diventare luogo di scambio e socializzazione, ma anche un’ applicazione multimediale che promuove l’immagine delle Marche dell’arte, dell’architettura, del patrimonio librario e archeologico. “

Come ha ricordato in apertura della manifestazione milanese, il presidente e assessore al Turismo , Gian Mario Spacca , “la scelta non solo di non tagliare dal bilancio 2013, ma anzi di aumentare, la dotazione finanziaria per la Cultura, testimonia concretamente il lavoro che stiamo compiendo per rendere questo settore strategico e quale importanza rivesta per la Regione la risorsa cultura coniugata al turismo”.

Nel corso dell’incontro dedicato alla destinazione Marche come regione degli spettacoli sono intervenuti anche Marco Mencoboni per il Festival Cantar Lontano (Ancona, 21 luglio-11 luglio) Francesco Micheli direttore artistico di Macerata Opera Festival ( 19 luglio -11 agosto) e Gilberto Santini , direttore artistico di Civitanova Danza ( già in corso fino al 24 maggio).

La mattinata è proseguita nella stagione autunnale con le Marche dei borghi , 19 quelli più belli d’Italia e le 17 bandiere Arancioni . E’ stata presentata la Guida verde della Regione Marche del Touring Club di cui ha parlato Luciano Mornacchi con Marco Girolami. Mentre Giuliano Ciabocco , coordinatore regionale dell’associazione Bandiere Arancioni ha parlato della unicità dei centri marchigiani di montagna e collin a, quelle stesse colline e borghi e pievi che diventano luoghi dello spirito. Gli stessi dove sorgono le Abbazie, i Monasteri , la cui storia ieri è stata ripercorsa nello stand con Monsignor Giovanni Tonucci, Arcivescovo di Loreto.



le Marche alla bit di milano

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-02-2013 alle 19:52 sul giornale del 18 febbraio 2013 - 1741 letture