counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Ancona: è attesa per Antonio Ingroia (Rivoluzione Civile)

1' di lettura
3115

Rivoluzione Civile

Sabato 16 febbraio, alle ore 18 presso la Loggia dei Mercanti a Ancona, via della Loggia, Antonio Ingroia incontrerà i cittadini in un pubblico convegno.

Ingroia è stato, per oltre vent'anni, un magistrato in prima linea nelle indagini e nei processi a Cosa nostra; al fianco di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, è stato sostituto procuratore e procuratore aggiunto presso il tribunale di Palermo, dove ha coordinato la direzione distrettuale antimafia. Nel dicembre 2012 è rientrato dal Guatemala, dove ricopriva un incarico O.N.U. nella lotta al narcotraffico, per contribuire da candidato Premier alla Rivoluzione Civile.

L'incontro verrà introdotto dalla Presidente del Coordinamento regionale Ninel Donini e preceduto dagli interventi di due candidati alla Camera dei Deputati, Ivan Rota e Lidia Mangani. In questa occasione il candidato Premier illustrerà i punti portanti del programma della Lista Rivoluzione Civile e le linee guida del progetto immaginato per costruire insieme una nuova Italia.

Il Paese che Rivoluzione Civile si immagina è un'Italia pulita, libera dalle mafie e dal malaffare, libera dall'illegalità ormai radicata nella politica e nell'economia. Il rilancio dell'economia attraverso la limitazione di spese gravose e inutili, redistribuendo il peso della tassazione di famiglie e piccole imprese; la promozione e la valorizzazione dell'ambiente, della cultura, della ricerca; la tutela del lavoro e un reale impegno a favore della pace, sono i punti salienti del programma.

Ci auguriamo che l'evento veda una forte partecipazione della cittadinanza, di quella "società civile" che costituisce uno dei pilastri su cui si è costruito il progetto di Rivoluzione Civile. Cittadinanza attiva e buona politica: questa la ricetta per far ripartire il Paese. Il cambiamento parte da noi.



Rivoluzione Civile

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-02-2013 alle 17:14 sul giornale del 16 febbraio 2013 - 3115 letture