counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Sindacato dei pensionati: “La Regione 'si attacca' ai pannoloni. 600 Euro all'anno a carico dei pazienti incontinenti”

2' di lettura
1222

Spi cgil

La Giunta Regionale delle Marche con la deliberazione n. 1696 del 3/12/2012 ha emanato una "Direttiva vincolante per i Direttori generali del Servizio Sanitario... concernente disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini", con la quale, tra tante altre cose, si introduce un tetto sul consumo dei presidi per incontinenza.

Appunto, i pannoIoni e gli altri ausili previsti per i soggetti con problemi di incontinenza (ndr.: problema particolarmente sentito anche all'Ospedale di Jesi come denunciato dal Tribunale del Malato). L'oggetto della deliberazione è chiaro: rivedere/ridurre la spesa in condizioni di invarianza dei servizi.

Certo è difficile, in qualche caso irrealizzabile e la Regione Marche, dentro un processo di inversione logica, ha scelto la scorciatoia di tagliare i servizi per ridurre la spesa.

In precedenza il limite di spesa previsto a carico del Servizio Sanitario consentiva la fornitura, alle persone con problemi di incontinenza, di 120 ausili (pannoloni, traverse .... ), che, tranne per qualche caso particolare, risultavano sufficienti a rispondere alle necessità.

Oggi la Regione stabilisce che ogni paziente ha diritto a non più di 60 ausili. L'operazione della Regione, tradotta in cifra, comporta per i pazienti una spesa annua intorno ai 600 Euro, oppure rischi igienico-sanitari rilevanti (micosi, infezioni in genere, piaghe) per coloro che non hanno la possibilità di affrontare tale spesa.

E' una situazione intollerabile. E' intollerabile per i pazienti incontinenti e le loro famiglie. E' intollerabile per gli operatori, in particolare nelle strutture residenziali, i quali non potranno effettuare il cambio degli ausili anche se necessario. E' intollerabile per i medici di famiglia costretti a prescrivere un quantitativo di ausili del tutto insufficiente. E' intollerabile per il cinismo sociale che traspare nella scelta della Regione.



Spi cgil

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-02-2013 alle 16:16 sul giornale del 07 febbraio 2013 - 1222 letture