Senigallia: droga, arrestato un pugliese residente ad Ancona. Latitante un tunisino

Posto di blocco dei Carabinieri 1' di lettura 21/01/2013 - Arrestato, ma subito scarcerato, per detenzione di stupefacenti un trentenne anconetano sorpreso insieme ad un tunisino, riuscito a scappare dopo essersi disfatto di un un involucro contenente eroina.

Domenica, intorno mezzanotte, il nucleo Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Senigallia, mentre transitava in Via Piave ha notato due noti pluripregiudicati confabulare con atteggiamento sospetto. Alla vista dei Carabinieri, i due si sono allontanati a piedi e uno di loto ha anche gettato via un involucro. I militari, avendo osservato la scena, sono subito intervenuti. L’intervento ha permesso di bloccare uno dei due pluripregiudicati (quello di nazionalità italiana) e di recuperare e sottoporre a sequestro l’involucro, una confezione di cellophane contenente eroina del peso di 39.5 grammi.

Invece, il tunisino, che si era disfatto materialmente dell’involucro, noto ai militari per essere attualmente anche destinatario della misura di prevenzione dell’obbligo della firma presso la Stazione di Senigallia, è fuggito facendo perdere le proprie tracce. Le ricerche non hanno consentito di trovare il tunisino che molto probabilmente, o si è allontanato da Senigallia oppure è ospitato presso conoscenti. Dell’arresto dell’italiano, Angelo Squeo, 32enne originario di Barletta (BA), e residente ad Ancona, è stata informata l’ Autorità giudiziaria che ne ha disposto il trasferimento ad Ancona per essere sottoposto a giudizio per direttissima.

Durante l'udienza il giudice non ha convalidato l’arresto, rigettando l’istanza di applicazione di misura cautelare proposta dal pm ed ordinando l’immediata scarcerazione dell’arrestato. Il tunisino che si è dato alla fuga invece è E. C. M. A., di 25 anni, molto conosciuto dai militari negli ambienti del narcotraffico.






Questo è un articolo pubblicato il 21-01-2013 alle 18:18 sul giornale del 22 gennaio 2013 - 1766 letture

In questo articolo si parla di cultura, giulia mancinelli, droga, carabinieri, controlli, posto di blocco