counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Pesaro: estorce denaro ai dipendenti, arrestato un ristoratore del posto

1' di lettura
2815

Soldi

Accusato di estorsione nei confronti dei propri dipendenti, un ristoratore 50enne di Pesaro è stato arrestato dai carabinieri di Rimini.

Secondo gli accertamenti dei carabinieri, nel corso dell'operazione denominata Santo Domingo, Paolo Vitali e la socia 35enne della Repubblica Domenicana, proprietari del ristorante brasiliano, 'Al Mulata', avrebbero fatto figurare una busta paga in regola per tutti i 20 dipendenti. Poi però si sarebbero fatti restituire sottobanco dai dipendenti la somma dovuta loro per tutte le spettanze accessorie come gli straordinari, tredicesima e quattordicesima, Tfr e tutto quello che andava a superare la cifra stabilita all'inizio del rapporto di lavoro.

Inoltre, dalle ulteriori indagini, sarebbe risultato che i dipendenti che non accettavano di restituire il denaro sarebbero diventati oggetto di ritorsioni e di espedienti da parte dei due soci. Ristoratori che sarebbero arrivati fino a licenziare chi non accettava le regole.

Al termine dell'operazione, partita dalla denuncia di una cuoca e conclusasi con l'arresto dei due soci, i militari avrebbero appurato che su uno stipendio medio ai titolari sarebbero ritornati indietro quasi 600 euro a dipendente. Il ristoratore pesarese, ora agli arresti domiciliari come la socia, è molto conosciuto in città per aver gestito molti locali tra i quali il noto 'Il canto pirata'.



Soldi

Questo è un articolo pubblicato il 23-11-2012 alle 23:56 sul giornale del 24 novembre 2012 - 2815 letture