counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Montelabbate: rapina e sequestra una prostituta, arrestato 23enne

1' di lettura
1965

prostituta

Lunedi' mattina i carabinieri di Riccione hanno arrestato a Montelabbate un 23enne albanese, denunciato per rapina e sequestro di persona da una prostituta.

I fatti risalgono alla notte del 29 aprile 2012, quando la prostituta, mentre era in località Marano di Riccione, con altre sue connazionali, è stata avvicinata da un’auto condotta da un giovane che, dopo aver con lei contrattato la prestazione sessuale, l'ha fatta salire a bordo. Dopo pochi metri la donna è stata bloccata con un braccio che le cingeva il collo da parte di un altro uomo presente all’interno dell’autovettura. La prostituta ha cercato di fuggire aprendo la portiera dell’auto ma è stata trattenuta per i capelli e schiaffeggiata dai due giovani.

Durante il tragitto di allontanamento dal luogo del prelevamento, la donna, minacciata, è stata costretta a consegnare il suo telefono cellulare, due anelli e la somma contante di 100 euro. Successivamente abbandonata in una località di Riccione è riuscita a tornare sul luogo dove si prostituiva e con l’ausilio del cellulare di una sua amica a contattare i carabinieri.

I militari avviate le indagini partendo dalle descrizioni della vittima, dal numero parziale di targa, per poi proseguire con accertamenti tecnici sul cellulare rapinato e su quello dell’intestatario della targa del veicolo, sono riusciti ad identificare l'autore della rapina, riconosciuto dalla vittima nel corso dell’individuazione fotografica. Così lunedì mattina alle 7 i carabinieri hanno arrestato D.A. 23 enne albanese di Montelabbate, con l'accusa di rapina e sequestro di persona. L’arrestato è stato accompagnato presso il carcere di Pesaro a disposizione dell’autorità giudiziaria di Rimini.



prostituta

Questo è un articolo pubblicato il 19-11-2012 alle 18:15 sul giornale del 20 novembre 2012 - 1965 letture