counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Primarie del centro sinistra, Messina: 'L’Idv non si scioglie ma si prepara alle elezioni'

3' di lettura
1952

idv marche

L’Idv non si scioglie ma si prepara alle elezioni rilanciando la sua volontà di non rimanere estranea alle primarie del centrosinistra, cosa che si discuterà martedi nell'ufficio di presidenza.

Questo quanto emerso questa mattina durante la conferenza stampa che ha visto la partecipazione dell’on. Ivan Rota, Responsabile Organizzazione Idv, dell’on. Ignazio Messina, Responsabile Eletti ed Enti locali Idv, dell’on. David Favia, segretario regionale Idv.

“L'Italia dei Valori non può rimanere estranea alle primarie del centrosinistra - ha spiegato l'on. Ignazio Messina – Ho apprezzato le recenti prese di posizione sia di Bersani sia di Vendola contrarie ad alcune azioni del governo Monti dal quale noi chiediamo discontinuità su temi come il lavoro e la tutela delle fasce più debole”. Aggiungendo che governiamo con il centrosinistra in tutte le Regioni dove siamo uniti da programmi condivisi, dalla Toscana alle Marche, dall'Umbria alla Liguria e dall'Emilia Romagna alla Puglia - ha aggiunto -. Saremo insieme nelle Regioni al voto”.

Mentre l’on. Ivan Rota, riferendosi alle vicende nazionali che hanno coinvolto l’Idv ha spiegato la volontà di impegnarsi affinchè ci sia una legge per evitare che i singoli prendano il denaro pubblico rassicurando i presenti sulla solidità del partito Idv: “non si scioglie”. E’ stato inoltre ricordato che “l’Idv è coerente sempre alla coalizione del centrosinistra, noi stiamo nel centrosinistra, con i partiti che vogliono fare una politica di centrosinistra”. Infine è stato lanciato l’allarme rispetto all’escalation di tensione sociale “a causa della sempre maggiore disperazione che c’è in giro a causa della cura Monti che non ha fatto bene al Paese”. Al prossimo confronto elettorale, l’Idv arriverà con delle liste chiuse un mese prima della scadenza che saranno pubbliche per il principio di trasparenza così chiunque potrà verificare i candidati. Inoltre non verranno candidati né i condannati né gli indagati per reati particolarmente gravi. Infine, sempre per il principio della trasparenza ogni tre mesi dovranno essere pubblicati gli estratti conto del partito e dei gruppi regionali. “Sono solido e sicuro quindi smentisco anche in sede locale un allontanamento dall’Idv ”.

E’ stata invece la considerazione dell’on. David Favia, segretario regionale Idv durante la conferenza stampa in cui ha ribadito che “non ci sono problemi interni al partito nelle Marche, dove non c’è nessuna fuga come neanche nell’Idv nazionale. Ad Ancona siamo a fianco di Di Pietro”. Inoltre Favia ha raccolto con favore le dichiarazioni dell’on. Ignazio Messina rispetto alla “nostra partecipazione al centrosinistra ed alle primarie a favore di bersani perché ritengo che la nostra presenza abbia un valore sia come Idv nazionale che locale”. E, proprio rispetto all’impegno in ambito territoriale, l’on. Favia ha ricordato la recente approvazione della legge regionale, all’avanguardia, sulla dislessia che ha visto protagonista la vice presidente dell’Assemblea Legislativa Marche, Paola Giorgi, e l’approvazione del Piano regionale per le Politiche Giovanili proposto dall’assessore Paolo Eusebi. Nelle conclusioni l’on. Favia si è soffermato sulla situazione del capoluogo dorico.

“La politica è ferma e tutto questo fa perdere tempo e va contro i cittadini, poi non posso che rilevare con profondo disappunto il rifiuto di attingere ai fondi europei da parte del sindaco Gramillano che, nonostante ciò fosse inserito nel programma, si è sempre rifiutato di farlo e questa è incoscienza gestionale. A questo punto quindi si dovrà fare tutto quanto possibile entro il 24 febbraio per poi tornare alle urne oppure impostare un lavoro serio, tra aziende e teatri, per arrivare alla fine della legislatura ma con questo sindaco mi sembra che non si riesca a farlo”.



idv marche

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2012 alle 17:01 sul giornale del 16 novembre 2012 - 1952 letture