counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Jesi: formazione di eccellenza nell’Ecocardiografia Fetale

1' di lettura
1803

Asur Marche - Area Vasta 2

Organizzato dall’U.O. Formazione dell’Area Vasta 2 di Jesi, in collaborazione con la SOD Cardiochirurgia e Cardiologia Pediatrica e Congenita AOR di Ancona, il primo Corso di Ecocardiografia Fetale diretto dal Dr. Marco Pozzi, cardiochirurgo pediatrico di fama internazionale.

L’ecocardiografia fetale è divenuta con il passare degli anni il gold standard per la corretta valutazione antepartum della presenza di cardiopatie congenite.

Il suo valore risiede nel fatto che la diagnosi antepartum consente innanzitutto ai genitori di poter conoscere con anticipo l’eventuale presenza di cardiopatie congenite, ma soprattutto consente di poter programmare la nascita in modo sicuro.

La conoscenza della criticità della cardiopatia consente quindi di poter programmare il punto di nascita, infatti in alcuni è necessario concertare la nascita tra la neonatologia ed una cardiologia e cardiochirurgia pediatrica di riferimento per poter trattare il neonato chirurgicamente o in sala di emodinamica.

La concertazione tra la neonatologia, la terapia intensiva e la cardiochirurgia pediatrica è la base per ridurre la mortalità e migliorare la prognosi di vita di cardiopatie che in molti casi, una volta corrette, possono ridare al neonato una qualità di vita ed una aspettativa di vita estremamente elevate.

Inoltre questo consente di eseguire un counseling con i genitori del nascituro in modo da spiegare il percorso prima, durante e dopo il parto e al fine di supportare psicologicamente la famiglia.

Oltre 80 partecipanti provenienti da diverse Regioni d’Italia e più di 15 Relatori ASUR e AOR si trovano presso l’Ospedale A. Murri di Jesi per due giorni di full immersion, con sessioni teoriche e live eco, in quella che oggi è una riconosciuta realtà di eccellenza nazionale.





Asur Marche - Area Vasta 2

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-11-2012 alle 21:30 sul giornale del 10 novembre 2012 - 1803 letture