Il Macerata Opera Festival in scena in Albania con 'Sul sentiero di Adriano'

2' di lettura 14/09/2012 - Le voci dello Sferisterio arrivano in Albania. A conclusione della settima campagna di scavi archeologici condotti dall’Università di Macerata nella città romana di Hadrianopolis (oggi Sofratikë), sabato alle 17, è stata organizzata nel teatro antico una serata di musica e letteratura, dedicata all’imperatore Adriano.

Lo spettacolo, dal titolo “Sul sentiero di Adriano 2012 – Ne Gjurmet e Adrianit 2012”, nasce con l’intento di rafforzare i rapporti di amicizia e collaborazione tra i due Paesi, con un programma di musiche che comprende famose arie d’opera del repertorio italiano e della tradizione popolare albanese, messe in scena da artisti italiani ed albanesi.

Francesco Micheli, direttore artistico del Macerata Opera Festival, colpito dalla bellezza del luogo, ha fortemente voluto questa iniziativa, tanto da voler mettere a disposizione i suoi artisti.

Le arie d’opera saranno cantate da due protagonisti dell’ultima stagione lirica maceratese: Aurora Tirotta (soprano) e Gezim Mishketa (baritono), con l’accompagnamento del quartetto d’archi della Radio Televisione Albanese (RTSH), composto da Blerta Ristani Jakova (primo violino), Alma Seferaj (secondo violino), Albana Kola (viola) e Aristidh Prosi (violoncello).

Le musiche saranno intervallate dalla lettura di brani di Ismail Kadare, autore di “Gjirokastër”.

Numerose personalità hanno assicurato la loro presenza: tra queste, il Rettore di Unimc Luigi Lacchè, rappresentante del CdA dell’Associazione Arena Sferisterio, il Ministro della cultura albanese, l’ambasciatore d’Italia a Tirana, il Consigliere speciale del primo ministro albanese Neritan Ceka e il Direttore dell’Istituto dei Monumenti di Cultura di Tirana Apollon Bace.

Ecco il programma:

Gezim Myshketa – “Ideale” di Francesco Paolo Tosti;

Aurora Tirotta – “Una voce poco fa'” da Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini;

Gezim Myshketa – “Non più andrai farfallone amoroso”, dalle Nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart;

Aurora Tirotta – “Deh vieni non tardar” dalle Nozze di Figaro di W.A. Mozart;

Aurora Tirotta e Gezim Myshketa – “Là ci darem' la mano” dal Don Giovanni di W.A. Mozart;

Lettura di Francesco Micheli o un pezzo strumentale eseguito dal quartetto d’archi;

Gezim Myshketa e Aurora Tirotta – “Credea che te ne fossi andato” , duetto di Nedda e Silvio da I Pagliacci di Ruggero Leoncavallo;

Aurora Tirotta – “Donde lieta uscì” da La Bohème di Giacomo Puccini;

Gezim Myshketa – “Vôtre toast” dalla Carmen di George Bizet;

“The Nightingale (Usignolo)”, brano del compositore albanese Thoma Simaku;

“Le parole della candela” di Limoz Dizdari, frammento tratto dalla colonna sonora del film albanese “Mesonjtorja”, elaborato dal compositore Robert Radoja.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-09-2012 alle 19:29 sul giornale del 15 settembre 2012 - 1743 letture

In questo articolo si parla di macerata, spettacoli, comune di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/DQI