counter

Rugby: le Marche fra le prime dieci regioni italiane per numero di rugbisti

Rugby generico 2' di lettura 10/08/2012 - Fra le prime dieci regioni italiane per numero di rugbisti. Questo l’ultimo dato marchigiano che ha visto nella sola stagione sportiva 2011/2012 ben 3162 tesserati, decima regione italiana a guidare la truppa dei territori in cui la febbre per la palla ovale è scoppiata solo negli ultimi anni.

Che nelle Marche lo sport stia facendo sempre più proseliti è sotto gli occhi di tutti, visto che in soli dodici anni il numero dei tesserati è cresciuto quasi otto volte, visto che nella stagione 2000-2001 si contavano appena 470 tesserati.

A fare la figura del leone fra le province della regione è quella di Ancona con 1052 tesserati, a cui segue quella di Ascoli, unita al territorio di Fermo, con 771, Pesaro e Urbino con 692 e Macerata con 392. A questi tesserati devono essere aggiunti inoltre i 253 bambini tesserati unicamente con i loro istituti per le attività scolastiche.

Numeri che fanno ancora più impressione se confrontati con la totalità degli abitanti della regione. In questo caso le Marche, con una percentuale del 2,6%, riescono addirittura a superare l’Abruzzo, da sempre terra di rugby, ferma al 2,2%.

Una crescita numerica dovuta alla nascita di non poche società e a cui ora dovrà fare seguito la crescita dei club stessi, come spiega il presidente del Comitato Regionale Maurizio Longhi: «Ciò che deve aumentare adesso è il numero delle categorie che ogni società deve presentare. Direi che a numeri di club ormai ci siamo, essendo 22 senza contare le scuole affiliate. Ora si deve lavorare sulle giovanili, perché ogni società possa presentare tutte le under facendo così crescere il movimento non solo dal punto di vista quantitativo, ma anche qualitativo».

Intanto tale crescita permetterà alla regione con i suoi voti di avere il suo peso alle prossime elezioni federali, quando potrà esprimere il 4,21% dei voti totali, in questo caso addirittura nona regione per importanza. Una percentuale superiore a quella di regione che hanno più tesserati, perché le Marche hanno mediamente società più strutturate che volgono attività in più categorie.


   

da Marche rugby




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-08-2012 alle 17:24 sul giornale del 11 agosto 2012 - 1742 letture

In questo articolo si parla di attualità, Marche rugby

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/CJc





logoEV
logoEV