counter

Provincia unica del sud, Favia: dicano i cittadini dove vogliono il capoluogo

David Favia 1' di lettura 08/08/2012 - Nonostante la totale contrarietà di IDV verso la legge sulla “Spending Review” e verso la conservazione delle province, sebbene ridotte di numero, ho voluto avere un colloquio con gli uffici tecnici del Ministro Patroni Griffi per capire come il Governo intende muoversi nell’attuare l’art. 17 della “Spending Review” sulle province; auspicabilmente nella direzione della loro massima riduzione.

Allo stato non ci sono margini perché CAL e Regione propongano qualcosa di diverso da tre province: Pesaro, Ancona e Macerata-Fermo-Ascoli: a meno che il Governo, nei dieci giorni che la legge gli assegna per fissare i parametri, non decida qualcosa di diverso rispetto ai già preannunciati 350.000 abitanti e 2500 kmq. E non sembra probabile.

La legge non consente margini di manovra perchè eventuali spostamenti di comuni da una provincia all’altra andavano deliberati dai comuni stessi prima del 24 luglio. L’unico margine riguarda la scelta del capoluogo della nuova provincia: in base alla legge esso sarebbe Ascoli, ma pare che i tre capoluoghi possano decidere diversamente, anche a maggioranza (in tal senso è stato peraltro approvato un ordine del giorno dalla Camera).

Credo che sarebbe un bel gesto di democrazia se le tre province e i sindaci decidessero di indire un referendum per far decidere ai cittadini dove vogliono il capoluogo.


da David Favia
coordinatore regionale IdV




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-08-2012 alle 15:56 sul giornale del 09 agosto 2012 - 1593 letture

In questo articolo si parla di politica, italia dei valori, david favia, idv

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/CDp





logoEV
logoEV