counter

Latini sui tagli, 'Trovare un sistema diverso di razionalizzazione della spesa'

Dino Latini 1' di lettura 07/08/2012 - I tagli che ancora pendono sui marchigiani (soprattutto per quanto riguarda la sanità) ci devono imporre una revisione delle strade scelte per comporre la riduzione.

Siamo vicini ad una rivolta sociale se continuiamo a tagliare senza una prospettiva certa, immediata e efficace. E la rivolta si rivolgerà soprattutto contro il tradizionale ceto politico reo di fare i tagli sulla pelle degli altri e non sulla propria. Non basta annunciare riforme di legge per diminuire il costo della politica, ma bisogna attuarle soprattutto a 360 gradi per dare la sicurezza che veramente si cambia. Così come non si può chiedere altri tagli che andranno a pesare sull’assistenza sanitaria dei marchigiani, senza fare una scaletta delle priorità vere.

Ci dobbiamo impegnare per trovare un sistema diverso di razionalizzazione della spesa, in grado mantenere in piedi i servizi essenziali sociali e sanitari.

I tagli dei posti letto non determinano automaticamente la riduzione di spesa (anzi), ma permarranno sacche di sprechi e doppioni a ogni livello che non potranno essere ne toccati ne eliminati. Ciò può avvenire solo se nello stesso momento tutta la politica si mette in discussione e compie quelle scelte di sacrificio che oggi costa moltissimo, ma che sarà la fiducia per guidare in futuro la nostra società fuori dal tunnel, invece di consegnarla veramente all’antisistema.


   

da Dino Latini
Capogruppo Assemblea Legislativa




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-08-2012 alle 18:47 sul giornale del 08 agosto 2012 - 1356 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, ancona, dino latini, Assemblea legislativa delle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/CBN