counter

Ancona: inseguimento rocambolesco, ma lui 'furbetto' denuncia furto d'auto

Polizia di Stato generico 3' di lettura 31/07/2012 - Notte di controlli ad Ancona. La polizia 'smaschera' furbetto alla guida e non solo. Inseguito, dopo una rocambolesca corsa, si presenta in Questura e denuncia il furto della sua auto per sfuggire alle conseguenze. Per lui nulla da fare, denunciato per calunnnia e resistenza a pubblico ufficiale.

Notte di controlli ad ampio raggio da parte degli uomini della Questura di Ancona sul fronte della prevenzione e della sicurezza. Nel mirino della Polizia il fenomeno dei reati predatori e lo spaccio di sostanze stupefacenti. I controlli scattano sia nelle zone più a rischio della città dorica che nel litorale limitrofo Su disposizione del Questore di Ancona, Dott. Arturo De Felice. Trenta gli uomini della Polizia di Stato impiegati tra lunedì e martedì, sia gli altamente specializzati nella lotta al crimine, come quelli in servizio presso il Reparto Prevenzione Crimine di Pescara, coadiuvati da unità Cinofile della Questura, da Agenti della Polizia Stradale, Squadra Nautica e Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, divisi in più squadre, hanno operato in contemporanea mirati controlli nelle zone del Passetto, Piano San Lazzaro, Archi, Stazione Centrale, lungomare Palombina, Falconara e Portonovo, procedendo all'identificazione di un centinaio di persone, decine di veicoli, imbarcazioni ed esercizi pubblici. Una ventina le contravvenzioni al Codice della Strada per guida senza cinture di sicurezza, ma anche mancate revisioni, alta velocità, animali a bordo senza utilizzo di protezioni, uso del telefono cellulare. Altrettante le persone sottoposte a controllo con l'utilizzo di etilometro.

Ed é durante un posto di controllo effettuato nella zona del Passetto che un ventenne anconetano veniva denunciato in stato di libertà per "guida senza patente". Il giovane, fermato alla guida del suo scooter, non é stato in grado di mostrare ai poliziotti la patente in quanto mai conseguita prima. Per il mezzo scatta il sequestro. Ma non finisce qui: nel corso di un altro posto di controllo gli Agenti intrecettavano una auto di grossa cilindrata che in Largo Cappelli che viaggiava a fari spenti passando a forte velocità all'incrocio di Via Vecchini con Via Frediani, il tutto senza fermarsi allo stop. Immediato l'inseguimento tra le vie del centro cittadino del conducente dell'autovettura che, per sfuggire alla Polizia, percorreva pericolosamente alcune strade in controsenso arrestando la marcia in Piazza Cavour e fuggendo poi a piedi in direzione di P.zza Stamira.

Dopo circa un ora si presentava in Questura un trentenne albanese, residente ad Ancona, che sporgeva denuncia per un'auto rubata. Ovviamente quella inseguita, poco prima, dagli Agenti. Ma l'uomo, però, non aveva fatto i conti con gli Agenti che lo avevano inseguito. Ed é in Questura che si svelava la truffa: era lui alla guida della macchina che poco prima si era data alla fuga. L'uomo pensava di eludere, con una falsa denuncia di furto, le numerose contravvenzioni che si era procurato con la bravata. Pertanto per l'albanese scattava la denuncia per Calunnia e Resistenza a Pubblico Ufficiale.






Questo è un articolo pubblicato il 31-07-2012 alle 17:41 sul giornale del 01 agosto 2012 - 1571 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, ancona, laura rotoloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Cka





logoEV
logoEV