Moody’s declassa numerosi enti locali, il rating delle Marche non viene tagliato

Soldi 1' di lettura 17/07/2012 - Moody’s taglia il rating di 23 enti locali, oltre a quello di una serie di banche e società italiane, dopo il downgrade dell’Italia deciso dall’agenzia la scorsa settimana.

Tra gli enti locali “declassati”, tra cui diverse Regioni (Liguria, Veneto, Umbria, Lombardia, Abruzzo, Piemonte, Lazio, Campania, Calabria, Molise, Basilicata, Puglia, Sardegna, Sicilia, le Province autonome di Trento e Bolzano), non figurano le Marche.

“In uno scenario così difficile per il nostro Paese, che si riflette nel taglio del rating dell’Italia e di numerosi enti locali – dice il presidente della Regione, Gian Mario Spacca – le Marche confermano la propria solidità finanziaria. La nostra regione non è infatti caduta sotto la ‘scure’ delle agenzie di rating, segno che prosegue il rispetto dei parametri di stabilità fiscale, si conservano il nostro tessuto economico florido, i solidi fondamentali finanziari, le buone pratiche finanziarie e i conti sanitari sono in equilibrio”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-07-2012 alle 18:04 sul giornale del 18 luglio 2012 - 1842 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/BJ2





logoEV