La Uil sugli infortuni sul lavoro: un'emergenza aggravata dalla crisi

Uil 1' di lettura 11/07/2012 - “I dati sugli infortuni sono fortemente condizionati dalla situazione di crisi del mondo del lavoro e rivelano come la scelta della Uil di investire nella prevenzione rappresenti un percorso da continuare a sostenere con convinzione.”

Lo ha dichiarato il segretario Uil Marche Graziano Fioretti commentando i dati dell’Inail in merito agli infortuni registrati nel corso del 2011.

“Anche sulla scorta dell’analisi emersa da un incontro che abbiamo avuto nei giorni scorsi con i responsabili per la sicurezza territoriale, è possibile affermare che la diminuzione del numero degli infortuni non riesce a rappresentarci la realtà effettiva – prosegue Fioretti – perché, innanzitutto il numero degli infortuni dovrebbe essere comparato al numero dei lavoratori effettivamente operativi, considerato il continuo calo della produzione specie nelle piccole e medie imprese, a causa del forte ricorso alla cassa integrazione in deroga. Bisognerà, inoltre, anche capire se tutti gli infortuni che avvengono, specie quelli di minore entità, vengano effettivamente denunciati. Del resto, come possiamo vedere dagli altri dati resi noti dall’INAIL, non diminuiscono, ma addirittura aumentano, i casi di malattia professionale e di decessi. Una constatazione che conferma, quindi, l’assoluta necessità di continuare a lavorare ed investire sul fronte della prevenzione per la sicurezza nei luoghi di lavoro.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-07-2012 alle 17:23 sul giornale del 12 luglio 2012 - 1572 letture

In questo articolo si parla di attualità, sindacati, uil

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/BuC





logoEV