counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > SPETTACOLI
comunicato stampa

Pesaro: la Mostra internazionale del Nuovo Cinema scopre la Thailandia

2' di lettura
1446

Pesaro Film Festival

La cinematografia thailandese ha conquistato negli ultimi anni sempre più spazio nel Vecchio Continente, come testimonia la Palma d'Oro nel 2010 a Lo Zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti di Apichatpong Weerasethakul o il crescente successo degli action e degli horror autoctoni.

Anche la Mostra di Pesaro ha scoperto la Thailandia, presentando in competizione lo scorso anno Eternity (Tee Rak) di Sivaroj Kongsakul. Per il secondo anno di fila, a testimonianza di un interesse crescente verso il cinema di questo Paese, troviamo in Concorso un film thai che si pone sulla stessa lunghezza d'onda delle pellicole prima elencate e lo fa in un gioco metacinematografico, sicuramente spiazzante, ma perfettamente controllato. In April the Following Year, There Was a Fire di Wichanon Somumjarn, racconta infatti la storia di un giovane, Nhum, che lascia Bangkok per tornare nel rurale paesino d'origine in occasione di un matrimonio. Reincontra così i vecchi amici e una vecchia fiamma con la quale sembra riallacciare i rapporti. A questo punto, però, le interviste al fratello e al padre del regista, svelano la matrice autobiografica della storia che da qui in poi mescola senza soluzione di continuità documentario e finzione, passato e presente, realtà e immaginazione. Un'opera che riesce ad essere al tempo stesso un'intima auto-analisi e un ritratto della società thailandese a tutto tondo.

Il gioco metacinematografico e metanarrativo è memore sicuramente della lezione della Nouvelle Vague, ma lo stile visivo è pienamente autoctono: lunghi piani sequenza statici e inquadrature contemplative dei paesaggi della Thailandia rurale si contrappongono a quelle dell'alienante metropoli dalla quale il protagonista fugge, costantemente “pedinato” dalla macchina da presa. L'esordiente Somumjarn (dopo alcuni cortometraggi, questa è la sua opera prima) cita apertamente “Lo Zio Boonmee” e si dimostra perfettamente consapevole della natura della propria opera e sicuro delle proprie capacità, come dimostra la scena nella quale il protagonista assiste alle riprese di un film intitolato, guardacaso, In April the Following Year, There Was a Fire e alla sua domanda “dove potrò vederlo?”, gli viene risposto: “nei festival di cinema internazionali”...benvenuto a Pesaro!



Pesaro Film Festival

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-06-2012 alle 19:14 sul giornale del 27 giugno 2012 - 1446 letture