counter

Macerata: a Musicultura vince la canzone d'autore abbinata ai vini marchigiani

L'Orage Alberto Mazzoni Musicultura 2' di lettura 21/06/2012 - Nella splendida cornice del teatro Sferisterio di Macerata gremito di pubblico, con la riuscita conduzione di Fabrizio Frizzi e in diretta su Rai Radio 1, si è conclusa la XXIII edizione di Musicultura Festival, nota rassegna canora che ha visto trionfare la musica d’autore e le eccellenze della regione Marche.

Durante la serata finale del 17 giugno, alla presenza di numerosi ospiti e artisti di fama internazionale, la giuria ha decretato il vincitore di questa XXIII edizione: un giovane gruppo della Val d’Aosta, i L’Orage a cui è stata abbinata la denominazione Esino Doc. Erano otto le denominazioni, Lacrima di Morro d’Alba Doc, Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc, Esino Doc, Colli Pesaresi Doc, Pergola Doc, Castelli di Jesi Verdicchio Riserva Docg, Rosso Conero Doc e Conero Riserva, a rappresentare il meglio della produzione enologica marchigiana, che il consorzio IMT ha posto in abbinamento ad ogni brano, per rimarcare ancora una volta il riuscito connubio vino-musica.

“Un valore quello della kermesse maceratese - afferma il Presidente dell’IMT Gianfranco Garofoli -che parte dalla musica ma va ben oltre - e continua - Musicultura ha saputo prendere il meglio di tutto e legarlo assieme”.

Mentre Alberto Mazzoni, Direttore del consorzio vini, che intervistato da Fabrizio Frizzi durante la serata inaugurale ha dichiarato: “Continueremo a sostenere Musicultura Festival, perché vogliamo avvicinare i giovani al vino – e aggiunge – è nostro obiettivo sensibilizzare la coscienza di un target diverso, come quello dei giovani, per sviluppare in loro un’educazione alimentare: perché il vino và degustato e non bevuto”.

Il progetto di sostenere la cultura per i produttori di vino marchigiani si tradurrà in una serie di attività legate al mondo dell’arte e della musica, con un impegno a lungo termine, nella prospettiva d'incrementare gradualmente iniziative legate al mondo culturale in generale.

Attualmente l’Istituto Marchigiano di Tutela Vini conta 1050 soci che sono l’anima economica delle Marche e il punto di forza delle tradizioni e della cultura di questa regione. Con questi numeri importanti l’Istituto di tutela si prefigge di diventare ambasciatore in Italia e nel mondo della qualità di questa terra.

www.imtdoc.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-06-2012 alle 16:08 sul giornale del 22 giugno 2012 - 1739 letture

In questo articolo si parla di attualità, musicultura, Istituto Marchigiano di Tutela Vini, alberto mazzoni, l'orage

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/AFB





logoEV
logoEV