counter

Potenza Picena: Ecocittá, prosegue la riqualificazione dell'are Ex Ceramica. Spacca: 'Progetto virtuoso'

2' di lettura 13/06/2012 - Prosegue senza intoppi la riqualificazione dell'area dove sorgeva l'ex ceramica a Porto Potenza Picena. "Da barriera a spazio permeabile che cambierá il concetto stesso di cittá" é stato il commento del sindaco Sergio Paolucci.

Il progetto é stato presentato nei dettagli nella mattinata di mercoledí, e dovremo attendere circa 6/8 anni prima di poter ammirare il nuovo complesso. L'area comprenderá edifici a destinazione residenziale e commerciale (in classe A) una vasta area pubblica verde (10000 metri quadrati) e una scuola elementare, per un investimento complessivo di oltre 100 milioni di euro. Circa 113mila euro il prezzo dal quale si parte per acquistare gli appartamenti piú piccoli, e circa 400 euro l'anno le spese per un appartamento di media grandezza. "Di fronte a noi abbiamouna grande spfida - ha detto Paolo Giorgini direttore generale di Ecocittá - il mercato é in continua evoluzione e cosí anche il consumatore. Crediamo comunque che la nostra sia una scelta vincente in quanto offriamo un prodotto che non si trova facilmente in giro."

“Questo progetto si inserisce in maniera esemplare nella vita della nostra comunità. E per diversi motivi. E’ anzitutto un esempio virtuoso di internazionalizzazione, che non significa solo esportazioni ma anche integrazione della nostra economia con quelle del mondo. E’ una delle linee fondamentali dell’azione della Regione: aprire le Marche al resto del mondo” - ha detto il presidente della Regione, Gian Mario Spacca - Il progetto é stato possibile grazie ad un fondo fondo di investimento israeliano, oltre 100 milioni di euro che sono in grado di spingere la nostra economia e che sono il segno del credito di cui vanta la nostra regione a livello internazionale. Altro motivo di soddisfazione: il progetto è in linea con la programmazione urbanistica regionale che si fonda sul recupero e riqualificazione dell’esistente e non sul consumo di suolo agricolo e di nuovo territorio. E’ poi una sfida all’innovazione per migliorare la nostra qualità della vita.

Nell’intervento vengono applicate le migliori conoscenze per la riduzione dei consumi, il risparmio energetico, la domotica, altro tema che la Regione ha lanciato con forza. Il progetto è inoltre una sintesi tra passato e futuro, perché rispetta i canoni e i principi estetici che caratterizzavano le nostre città, con il recupero del concetto di piazza. Infine, ma non meno importante, va sottolineato il bilancio sociale di questo intervento: la realizzazione della scuola elementare è la testimonianza di quanto sia importante la collaborazione tra pubblico e privato in questa difficile congiuntura economica”.








Questo è un articolo pubblicato il 13-06-2012 alle 22:11 sul giornale del 14 giugno 2012 - 1433 letture

In questo articolo si parla di attualità, gian mario spacca, potenza picena, riqualificazione, sergio paolucci, elisa tomassini, ecocittà, ex ceramica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/AmX





logoEV
logoEV