counter

Chiaravalle: fermato albanese con un Nunchaku in auto

L'arma sequestrata all'albanese 1' di lettura 12/06/2012 - Guidava con una patente falsa aggirandosi, insieme ad altri tre suo compaesani, a bassa velocità, a bordo di un'utilitaria, nei pressi della stazione di Chiaravalle. X.B., trentenne albanese domiciliato nell'Ascolano, è stato denunciato per possesso ingiustificato di oggetti atti a offendere, ricettazione e guida senza patente.

Nella serata tra lunedì 11 e martedì 12 giugno i Carabinieri della stazione di Monte San Vito, diretti dal Maresciallo Giovanni Delfino, durante un rituale servizio di perlustrazione della zona bassa di Monte San Vito, a ridosso del territorio della stazione ferroviaria di Chiaravalle, per prevenire reati contro il patrimonio, hanno fermato l'auto guidata da X.B., insospettiti dalla bassa velocità a cui stava transitando.

I tre occupanti, tutti albanesi e privi di precedenti penali, si mostravano nervosi alle domande dei militari e fornivano versioni discordanti circa la loro presenza in quei luoghi. I Carabinieri hanno così deciso di perquisire il mezzo, scoprendo, celato nel vano portaoggetti, un Nunchaku, mazze da karatè in gomma e catena, la cui detenzione è vietata dalla Legge in quanto, se usata per colpire un uomo, ne può procurare anche la morte.

X.B., rivendicando come propria l'arma, non forniva alcuna giustificazione circa il suo possesso. Sequestrato l'oggetto, i militari hanno provveduto anche a controllare la patente di guida dell'uomo, risultata fasulla. Posto sotto fermo anche l'automezzo su cui viaggiavano i tre.

Sono in corso ulteriori accertamenti per appurare i motivi della presenza degli uomini a Chiaravalle e, in particolar modo, l'uso cui era destinato il Nunchaku, le cui condizioni dimostravano una evidente usura.








Questo è un articolo pubblicato il 12-06-2012 alle 17:48 sul giornale del 13 giugno 2012 - 1344 letture

In questo articolo si parla di cronaca, chiaravalle, monte san vito, ilaria cofanelli





logoEV
logoEV