counter

Marcolini: mai passività in 11 anni di attività di alta qualità della Fondazione Pergolesi Spontini

pietro marcolini assessore regionale 2' di lettura 08/06/2012 - Lo scorso aprile presso la Regione Marche è stato presentato in apposita Conferenza Stampa il Bilancio Sociale 2011 della Fondazione Pergolesi Spontini. In undici anni di attività, la Fondazione ha gestito 6 Stagioni Liriche di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi e 11 edizioni del Festival Pergolesi Spontini per un volume d’affari di circa 45 milioni di euro, senza alcuna passività.

Sette titoli d’opera prodotti nel 2011, di cui quattro titoli di Giovanni Battista Pergolesi, per un totale di 24 recite; 702 giornate di apertura dei 6 Teatri storici gestiti nelle Marche, 57.937 frequentatori a Jesi e nei teatri aderenti, 33.965 giornate lavorative, 630 maestranze contrattualizzate nelle produzioni liriche, 655 fornitori di beni e servizi, 9258 studenti coinvolti nei percorsi formativi, 1500 pasti e 2900 pernottamenti di artisti e tecnici nelle strutture ricettive del territorio, più di 12 milioni di contatti sul sito web della Fondazione tradotto in otto lingue.

Dei titoli d’opera prodotti lo scorso anno, cinque sono nuovi allestimenti interamente costruiti nel Laboratorio Scenografico della Fondazione, a Jesi (con maestranze marchigiane e giovani appositamente formati nell’ambito del progetto Sipario), o realizzati in regime di coproduzione con teatri lirici nazionali. Sul fronte delle coproduzioni lo scorso anno sono stati consolidati i rapporti creati negli anni precedenti con il Teatro dell’Aquila di Fermo, con la Teatri S.p.A. di Treviso e il Teatro Sociale di Rovigo , i Teatri del Circuito Lirico Lombardo e l’Associazione Arena Sferisterio di Macerata e ha attivato numerose collaborazioni con teatri ed enti a livello internazionale.

Parto da questi dati che sono stati resi pubblici per sottolineare che la Regione Marche, da sempre sostenitrice della Stagione Lirica del Teatro di Tradizione Pergolesi di Jesi e del Festival Pergolesi Spontini, trova nel percorso virtuoso perseguito negli anni dalla Fondazione che gestisce i due eventi un’esemplificazione delle proprie politiche culturali. Ovvero lo stimolo costante a praticare tutti i percorsi che portano a ottimizzare e incrementare risorse e condividere quanto prodotto. Il Premio Abbiati ricevuto dalla Fondazione nel 2011 per aver “caparbiamente” concluso l’esecuzione dell’Opera omnia di G.B. Pergolesi,nonostante le drastiche riduzione dei finanziamenti pubblici, con una serie di produzioni operistiche e concertistiche di qualità musicale, chiamando a collaborare voci, concertatori e complessi strumentali italiani di significativa competenza stilistica e proprietà interpretative, e proponendo letture sceniche non scontate” fotografa una realtà di cui non si può che essere orgogliosi.

Le premesse per arrivare all’auspicato Circuito Lirico tra gli Enti che producono Lirica nelle Marche ci sono già tutte, e tra essi la Fondazione Pergolesi Spontini ha sempre dimostrato aperture al dialogo, alla collaborazione e al perseguimento di lodevoli obiettivi comuni.


da Pietro Marcolini
Assessore ai Beni e Attività Culturali
della Regione Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-06-2012 alle 19:53 sul giornale del 09 giugno 2012 - 1350 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, pietro marcolini, assessore regionale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Aap





logoEV
logoEV